Cucinare Strangolapreti

di Cucinare.it

Cucinare Strangolapreti

Descrizione

Ecco come Cucinare Strangolapreti. Detti anche strozzapreti, sono un piatto tipico trentino. Sono una pietanza saporita e gustosa, ideale per quando si hanno ospiti a cena e si vuole variare un po' il menu. Sono abbastanza facili e veloci da preparare, e sono una buona alternativa ai soliti piatti. Si possono anche preparare per i propri bimbi, che magari hanno difficoltà a mangiare le verdure: con questa ricetta infatti gli spinaci sono nascosti! Come molti altri formati di pasta fresca, gli strangolapreti (conosciuti anche come strozzapreti) trovano la loro origine nella cultura culinaria povera dell'Emilia Romagna. Il loro nome deriverebbe dal fatto che, essendo molto buoni da mangiare, era molto facile inghiottirne una gran quantità rischiando di strozzarsi. Ma perchè proprio "strangolapreti"? Il motivo è molto semplice: la classe ecclesiale, in epoca medievale, era nota per essere di buona forchetta, l'associazione con il Clero, quindi, è stata immediata. Tuttavia con il tempo gli strozzapreti si sono diffusi sempre di più sulle tavole di ogni classe sociale, diventando uno dei formati più amati in Emilia Romagna, ma non solo. Il loro successo deriva in gran parte dalla facilità di preparazione: semplice ed accessibile anche da chi non ha moltissima manualità in cucina. Gli strangolapreti: veloci, sani, buoni Come cucinare gli strangolapreti. Questo tipo di pasta raggiunge il grado di cottura ottimale in meno di 5 minuti e perciò è particolarmente apprezzato per tutti coloro che non hanno tanto tempo da dedicare alla cucina, ma non vogliono rinunciare al gusto della pasta fresca. Data la loro forma e il loro gusto semplice e genuino, sono un formato molto versatile che ben si abbina con
  • salse ricche,
  • sughi a base di salsiccia,
  • carne
  • e pesce.
Essendo piuttosto porosi riescono ad assorbire molto bene il condimento, esaltandone il gusto, la ricchezza e accontentando facilmente ogni palato, anche il più ricercato. Qualche idea? Provalo con un ragù di polpa di macinato misto bovino e suino, oppure con un sugo al baccalà. Per i vegani e i vegetariani, invece, prepara una salsa di verdure miste (peperoni, zucchine, melanzane, patate) e salta gli strangolapreti in padella con erbe aromatiche fresche e sarà un successo!  

Ingredienti & Procedimento

  • 1

    Versate il latte in una ciotola e aggiunte il pane raffermo in ammollo per circa due ore

  • 2

    Lavate gli spinaci

  • 3

    Riempite una pentola con dell'acqua e mettete dentro gli spinaci lavati

  • 4

    Fateli lessare per 15 minuti

  • 5

    Scolate gli spinaci e tritateli finemente

  • 6

    Mettete in una padella con un goccio d'olio gli spinaci e fateli saltare per qualche minuto

  • 7

    Salateli e aggiungete un pizzico di noce moscata

  • 8

    Lasciate sul fuoco gli spinaci per altri 5 minuti e dopo trasferiteli in una terrina

  • 9

    Unite il pane strizzato e fatto a pezzetti

  • 10

    Aggiungete le uova, il burro ammorbidito a temperatura ambiente e tagliato a cubetti, il parmigiano e un po' di sale e mescolate il tutto

  • 11

    Piano piano incorporate la farina setacciata, amalgamando, fino a quando otterrete un composto malleabile ma non troppo umido

  • 12

    Prendete con un cucchiaio il composto e formate delle specie di polpette, con forma arrotondata

  • 13

    Quando saranno pronti, mettete dell'acqua a bollire in una pentola e versateli dentro

  • 14

    Fateli cuocere fino a che non verranno a galla

  • 15

    Metteteli nei piatti e condite con burro e salvia. Per ottenere degli gnocchetti più saporiti si consiglia di usare del pangrattato al posto della farina e della ricotta nell'impasto. Ci sono varianti della ricetta a seconda della regione. Ad esempio un'alternativa può essere quella di usare ortiche e bietole invece degli spinaci

Scarica la rivista

Informazioni generiche

Difficoltà
media
Tempo di preparazione
00:25
Tempo di cottura
00:20
Porzioni
4 persone
Categoria
Primi di verdure
Pubblicata il
14/07/2015
N° visualizzazioni
413

Condividi questa ricetta

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Scarica la rivista