Coniglio in umido

di Cucinare.it

Coniglio in umido

Descrizione

Un semplice secondo a base di carne in grado di stupire anche i palati più esigenti è il Coniglio in umido. La morbidezza e delicatezza del coniglio miscelata al particolare aroma di spezie e pomodori, danno a questa pietanza un tocco particolare.

COME FARE IL CONIGLIO IN UMIDO

Il momento cruciale è la rosolatura del coniglio che acquista un certo sapore perché cotto assieme ai pomodori, spezie e aromi. Un maggiore insaporimento in grado di miscelare tutti i sapori è il brodo. Il coniglio in umido può essere servito singolarmente o accompagnato a fette di polenta, pane tostato o riso pilaf. Buona preparazione e buona lettura.
Vi consiglio anche la ricetta del coniglio alla bergamasca, molto saporita.


COME CUCINARE IL CONIGLIO IN UMIDO

Ingredienti & Procedimento

  • 1

    Prendi il coniglio ed elimina i rognoni, il fegato, il cuore e il grasso in eccesso; successivamente lava per bene la carne, tamponala con della comunissima carta da cucina e taglia il coniglio a pezzi più o meno delle stesse dimensioni.

  • 2

    In una padella con un filo d'olio metti la cipolla già mondata e tritata e falla appassire senza che arrossisca per circa 10 minuti; aggiungi il peperoncino tritato, il rosmarino, la salvia, l'aglio e fai rosolare il tutto per qualche minuto.

  • 3

    A rosolatura raggiunta aggiungi alla miscela il coniglio e falli dorare; in seguito aggiungi 200 ml di vino bianco e fai evaporare per poi aggiungere la passata di pomodori, sale e pepe.

  • 4

    Copri la padella con un coperchio e lascia cuocere.

  • 5

    All'occorrenza aggiungi un mestolo di brodo vegetale; a metà cottura unisci i rognoni, il cuore e il fegato.

  • 6

    A fine cottura spegni il fuoco, togli il coperchio e lascia che il fondo della cottura diventi leggermente denso.

Scarica la rivista

Informazioni generiche

Difficoltà
facile
Tempo di preparazione
00:30
Tempo di cottura
00:50
Porzioni
4 persone
Categoria
Secondi di carne
Pubblicata il
08/05/2015

Condividi questa ricetta

Potrebbe interessarti anche

Commenti e voti

Scarica la rivista