Alici, il cibo dei poveri che arricchisce la tavola

Data Pubblicazione: 21/11/2016

Alici, il cibo dei poveri che arricchisce la tavola

Alici, classificazione

Engraulis encrasicolus, questo il nome scientifico delle alici o acciughe: si tratta di pesci azzurri che fanno parte della famiglia degli Engraulidae, da non confondere con le sardine che fanno parte invece di un’altra famiglia. Il nome alice deriva dal latino Hallex, allex, alec, una salsa realizzata utilizzando interiora di pesce fermentate. Tale termine è utilizzato soprattutto nell’Italia meridionale. Acciuga, invece, deriva da apiua o apiuva, nome di un piccolo pesce ed è utilizzato più al Nord. E' un pesce dalla forma allungata a sezione cilindrica. Presenta una pinna caudale a forma di V, una testa grande conica e appuntita, con occhi posizionati in posizione avanzata; la bocca è molto grande e ha denti numerosi e molto piccoli. Le alici arrivano fino ad una lunghezza di 20 centimetri e sono caratterizzate da un colore verde-azzurro con la pancia invece che presenta una colorazione argentea. Le acciughe vivono in banchi numerosi e popolano le acque costiere da aprile a settembre, ritirandosi poi in profondità nei mesi invernali.

L'habitat delle Alici

Presenti anche nel Mediterraneo, le alici sono diffuse soprattutto in Norvegia e Sudafrica: amano il mare, ma riescono a resistere anche in acque salmastre e in foci e lagune.

Principi nutritivi delle Alici

Le alici presentano una grande quantità di:
  • grassi omega-tre,
  • proteine,
  • calcio,
  • ferro,
  • fosforo,
  • selenio
  • sodio.
Proprio la grande quantità di quest’ultimo le rendono poco adatte a chi soffre di pressione alta o gotta.

Calorie

In cento grammi di alici fresche ci sono 96 Kcal e contengono:
  • Proteine 16.8 g
  • Grassi 2,6 g
  • Colesterolo 70 mg
  • Carboidrati 1,5 g
  • Sodio 104 mg
Per il basso contenuto calorico e l’elevata presenza di grassi polinsaturi a lunga catena sono ideali in diete per chi soffre di malattie cardiovascolari e per quelle atte a controllare la presenza di colesterolo nel sangue.

Cenni storici

Cibo dei poveri, le alici sono protagoniste di una curiosa leggenda raccontata da Mitì Vigliero Lami in ‘L’alice delle meraviglie’. La scrittrice racconta che le acciughe erano delle piccole stelle, le Engrauline, molto vanitose: trascorrevano il loro tempo a specchiarsi nel mare e vantarsi della loro bellezza. Una notte, per invidia, se la presero con la Luna, fino a farla piangere: a quel punto intervenne Dio che, stanco del comportamento delle alici, decise di punirle. “Ora basta, ho deciso: vi toglierò da qui e vi manderà in quel mare che tanto vi piace usare come specchio”. Così, le Engrauline divennero le Engraulis Encrasicholus, arrivate sulle nostre tavole come alici o acciughe.

Come Conservarle

Sono diversi i metodi per conservarle: questo pesce azzurro può essere, infatti, conservato per non più di un paio di giorni in frigorifero, messo sott’olio o sotto sale. Fresche: Occorre lavarle, metterle in un colapasta con un piatto sotto e successivamente in frigorifero ricoperte con una pellicola. Conservate in questo modo andranno consumate in un paio di giorni. Sott’olio:  possono anche essere conservate sott’olio. Dopo averle pulite e tagliate a filetti, occorre farle scottare in aceto e vino (portati prima ad ebollizione) poi fatte asciugare e infine inserite in barattoli sterilizzati e ricoperte di olio. Per insaporirle si può utilizzare peperoncino e prezzemolo. Sotto Sale: è uno dei metodi di conservazione più diffuso. In questo caso l’alice non deve mai venire a contatto con l’acqua non di mare, altrimenti andrebbe incontro velocemente a deterioramento.  Le alici senza testa e interiora, vengono depositate in un recipiente di vetro, le arbanelle, e rivestite di sale: si mettono prima due cucchiai di sale grosso, poi uno strato di pesce, un altro sale e così via.

Varietà di ricette con le Alici

pasta con le alicialici fritte Numerose e gustose le ricette che possono essere preparate con questo meraviglioso pesce azzurro: le acciughe possono essere utilizzate come antipasti, primi e secondi, con una varietà di preparazione notevole. Classica la ricetta spaghetti con alici e pomodorini ... Così come tradizionali sono quelle  idorate e fritte o la velocissima ricetta delle alici in padella. Ma questo pesce azzurro può essere utilizzato anche per simpatici antipasti come le Arance con le alici o secondi gustosi come le polpette di alici.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

I CIBI RICCHI DI POTASSIO: DALLA FRUTTA AL PESCE

Utile per la trasmissione nervosa e la contrazione dei muscoli, il potassio è fondamentale per il nostro organismo. Ecco perché è utile conoscere ...

Continua a leggere

CIBO DA STRADA: DEFINIZIONE, NORME E RISCHI

E' sempre più in voga: il cibo da strada è la moda del momento. Ma cosa è realmente? Definizione, normative, ricette spesso non sono conosciute. ...

Continua a leggere

FRASI SUL CIBO, LE PIÙ DIVERTENTI E FAMOSE

La poesia del cibo: gustarsi un piatto ben fatto è quasi come osservare un'opera d'arte, farsi travolgere dall'emozione di un buon libro. Pagine che ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista