Coltivare zafferano

Data Pubblicazione: 23/01/2017

Coltivare zafferano

"Coltivare zafferano" è una ricerca sempre più frequente sul web: si tratta della spezia più preziosa al mondo, per questo in ottica di spending review è bene riuscire a farla da sé. Vediamo allora come coltivare lo zafferano sul balcone di casa, in modo da poter disporre di questa spezia dalle tante proprietà benefiche senza però ritrovarsi con le tasche vuote.

Coltivare lo zafferano sul balcone

è semplicissimo. Basterà avere a disposizione i bulbi per poter avere poi in casa una spezia che, come visto nella nostra rubrica, porta innumerevoli benefici al nostro organismo.

Coltivare zafferano: sul balcone si può!

Il primo passo per la coltivazione dello zafferano sul balcone è procurarsi dei bulbi. Quando li andate a comprare o ve li regalano ci sono alcune cose che vanno tenute in considerazione. In particolare va controllato che i bulbi non siano stati attaccati dai funghi. Ora c'è da fare un'altra scelta: quella del terreno! Importante predisporre un terreno argilloso che assicuri un buon drenaggio senza però che si formino dei ristagni d'acqua. Dal terreno vanno eliminati i sassi, se presenti. Scelti il terreno, occorre concimarlo: ora siamo pronti al passaggio successivo. E' arrivato il momento di seminare i bulbi. Interrateli a circa 8 centimetri da terra e lasciate almeno dieci centimetri di distanza tra loro. Procedete con tutti i bulbi a vostra disposizione seguendo le semplici regole sopra esposte. Ricordatevi: il periodo migliore per la semina è inizio luglio. Piantati tutti i bulbi, annaffiate il minimo indispensabile: lo zafferano, infatti, non richiede molta acqua.

La raccolta dello zafferano

Tra la semina e la raccolta passeranno tre-quattro mesi: da fine settembre a fine ottobre è il periodo ideale per vedere fiorire lo zafferano. Gli stimmi andranno raccolti preferibilmente di mattina avendo cura di staccarli direttamente dallo stelo. Attenzione al metodo di raccolta dello zafferano coltivato sul balcone: la qualità di questa spezia è connessa proprio a come si raccolgono i suoi fiori. Terminata la raccolta è arrivato il momento di stendere i pistilli al sole per farli essiccare. Completata questa operazione si potrà decidere di lasciarli interi o consumarli per intero: in entrambi i casi, la procedura per coltivare lo zafferano in casa è terminata! Adesso siete pronti per poter preparare delle gustose ricette con lo zafferano, magari iniziando con il classico e intramontabile risotto allo zafferano Risotto_allo_Zafferano_con_Prosciutto_Crudo_e_Scamorza Risotto_con_datteri_allo_zafferano Risotto_zafferano_e_salsiccia

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

VOGLIA DI DOLCE: I SEGRETI PER COMBATTERLA

A chi non è mai capitato di non riuscire a frenare la voglia di dolce, quel desiderio irrefrenabile che ti porta ad eccedere con gli zuccheri ...

Continua a leggere

PERCHÉ MANGIARE UNA MELA AL GIORNO TOGLIE IL MEDICO DI TORNO?

Mangiare una mela al giorno fa bene: lo dice il proverbio, lo conferma la scienza. Ma perché mangiare una mela al giorno toglie il medico di torno? ...

Continua a leggere

MANGIARE IN VACANZA, LE SCELTE DEGLI ITALIANI

Mangiare in vacanza non è una questione secondaria, almeno non per gli italiani. Altro che mare, montagna o arte, le mete preferite dagli italiani ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista