I pinoli, simbolo di fertilità dal potere afrodisiaco

Data Pubblicazione: 01/09/2017

I pinoli, simbolo di fertilità dal potere afrodisiaco

Semi commestibili dei pini, i pinoli sono un frutto secco che può essere utilizzato in una varietà di piatti in cucina, oltre che mangiati anche direttamente. Di solito venduti già sgusciati, si possono trovare anche avvolti nel loro guscio legnoso. Esistono ben 20 specie di pino che producono pinoli: quelli più comuni ed utilizzati sono i frutti del pino domestico (il Pinus pinea) chiamato anche il pino dei pinoli. Altra specie di pino è il cembro che produce grandi semi ma si trova in zone più disagiate.

Proprietà benefiche dei pinoli

Numerose le proprietà benefiche dei pinoli che sono un frutto molto salutare: grazie alla presenza di aminoacidi essenziali e Sali minerali sono ottimi nella protezione del sistema cardio-vascolare e hanno anche una funzione antiossidante, andando a combattere la formazione di radicali liberi. Inoltre, la presenza di vitamina K rende i pinoli ottimi da consumare durante il periodo mestruale delle donne; aiutano, infatti, a ridurre il dolore e migliorano la circolazione del sangue. I benefici dei pinoli si notano anche nella lotta al colesterolo: favoriscono la liberazione delle arterie. Ancora: l’elevata presenza di magnesio, rende i pinoli indicati per chi pratica attività fisica. Questo perché favoriscono la prevenzione dei crampi e aiutano a ridurre l’affaticamento. Infine, la vitamina C dona ai pinoli un’azione di fortificazione del sistema immunitario. Passiamo ai valori nutrizionali di 100 grammi di pinoli:
  • Kcal 673
  • Proteine 13,69
  • Carboidrati 13,08 g
  • Zuccheri 3,59 g
  • Grassi 68,37 g
  • Colesterolo 0
  • Fibra alimentare 3,7 g
  • Sodio 2 g

Cenni storici

I pinoli erano utilizzati fin dall'antichità e da millenni sono considerati frutti dall'elevato potere in ambito sessuale: già i Frigi (Anatolia Centrale) nel millecento a.C. utilizzavano i frutti del pino per preparare un vino inebriante, mentre nell’antica Grecia le pigne, simbolo degli organi genitali maschili ancora pieni di seme, erano gettate in fosse durante riti propiziatori di fertilità. Nell'epoca romana poi non mancano accenni alle qualità afrodisiache dei pinoli in letteratura. Ovidio nell’Ars Amatoria li definiva uno dei pochi cibi in grado di favorire l’amore, mentre Plinio ne parlava così  "i pinoli spengono la sete, calmano i bruciori dello stomaco e vincono la debolezza delle parti virili".

Come conservare

I pinoli possono essere trovati sia già sgusciati che con il guscio. All’interno del guscio riescono ad essere conservati per molto tempo prima di andare a male. Cosa diversa, invece, nel caso si acquistino già sgusciati. In questo caso il tempo di conservazione non va oltre i due mesi. Per conservarli al meglio occorre tenerli in un recipiente di plastica o vetro e messi in frigorifero. Meglio ancora se il contenitore sia sotto vuoto.

Varietà di preparazione dei pinoli

I pinoli sono un frutto molto utilizzato in cucina in vari paesi del mondo: ricette con la presenza di pinoli si trovano in Europa ma anche in Nord America, Asia e Africa. Consumati anche tostati, sono impiegati davvero in un’infinità di ricette: tanto per citarne quelle note più vicine a noi, i pinoli sono presenti nel pesto alla genovese e nel castagnaccio. Tra le tante ricette che prevedono l’uso dei pinoli ci sono: un gustoso antipasto con crostini capperi e pinoli, oppure si può portare a tavola come primo un delizioso piatto di fusilli alla crema di sedano e pinoli. Ma non mancano le preparazioni di secondi: e allora i pinoli possono insaporire un ottimo baccalà al verde con pinoli, acciughe, capperi e olive piccanti.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

MANGIARE IN VACANZA, LE SCELTE DEGLI ITALIANI

Mangiare in vacanza non è una questione secondaria, almeno non per gli italiani. Altro che mare, montagna o arte, le mete preferite dagli italiani ...

Continua a leggere

LISTERIA, COME CONGELARE SENZA RISCHIARE

Un nome che sentiamo sempre più spesso, soprattutto negli ultimi giorni: listeria. Si tratta di una famiglia di batteri che può essere rischiosa ...

Continua a leggere

CIBO A DOMICILIO, SUCCESSO DELLE APP: CUCINARE VA IN SOFFITTA?

Un trend in continua crescita che presto potrebbe portare alla ‘scomparsa’ delle cucina: è il cibo a domicilio, una moda che anche in Italia ha ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista