Sostanze chimiche negli alimenti, attenzione a contenitori e carni lavorate

Data Pubblicazione: 16/09/2018

Sostanze chimiche negli alimenti, attenzione a contenitori e carni lavorate

I pediatri lanciano l’allarme: attenti alle sostanze chimiche contenute negli alimenti. In particolare attenzione massima andrà assicurata per i contenitori di plastica e la carne lavorata. E’ l’American Academy of Pediatrics a mettere in guardia contro le sostanze chimiche pericolose che potrebbero essere presenti negli alimenti che diamo ai nostri bambini e non solo. Il suggerimento è quello di evitare il più possibile l’utilizzo di contenitori di plastica per alimenti e ridurre il consumo di insaccati e salumi, soprattutto in gravidanza.
In particolare l’associazione americana accende i riflettori non su una sostanza chimica precisa ma su alcune sostanze che sono ritenute preoccupati. Si tratta di sostanze presenti sia nei contenitori di plastica che normalmente utilizziamo per conservare gli alimenti, sia nelle carni lavorate, come gli insaccati appunto. In particolare l’attenzione è rivolta su nitrati e nitriti che spesso sono utilizzati come conservanti, ma non solo: attenzione anche ai ftalati, presenti nelle confezioni di plastica. Occhi aperti poi sui bisfenoli che sono utilizzati per rivestire le lattine di metallo per prodotti alimentari; infine, le sostanze perfluoroalchiliche (PFC) presenti nella carta e imballaggi resistenti al grasso. Una lunga lista dalla quale bisogna difendersi e l’unico modo è ridurre il consumo di quegli alimenti o prodotti che le contengono. Così già diminuire il consumo di cibo in scatola è un primo passo per diminuire l’esposizione al bisfenolo, mentre eliminare dalla propria dieta i cibi confezionati o lavorati significa ridurre l’esposizione ai ftalati.

I consigli per evitare le sostanze chimiche negli alimenti


Tra i consigli per evitare i rischi connessi alle sostanze pericolose c’è quello di utilizzare la carta oleata al posto dei recipienti di plastica. Poi la stessa American Academy of Pediatrics invita a consumare frutta e verdura e non le carni lavorate, soprattutto in gravidanza, a evitare di utilizzare il microonde e a abolire le bevande conservate in confezioni di plastica. Infine, attenzione ai cibi che presentano i contenitori di plastica: occorre evitare quelli con i codici 3,6,7 perché potrebbero includere ftalati, stirene e bisfenoli, salvo la presenza della dicitura “biobased” o “greenware”.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Potrebbe interessarti anche

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

DALL'ALIMENTAZIONE AL RIPOSO: COSA FARE DOPO L'ALLENAMENTO

L’esercizio fisico è fondamentale: fare il giusto allenamento durante la giornata è il primo passo per tenersi in salute. Un fattore che può ...

Continua a leggere

STITICHEZZA, COSA MANGIARE E QUALI CIBI EVITARE

La stitichezza è un problema che molte persone sono costrette ad affrontare. La causa è spesso da ricercare in uno stile di vita non sano: dalla ...

Continua a leggere

COME IMPIATTARE: DAGLI ANTIPASTI AGLI SPAGHETTI

Per una cena di occasione o semplicemente per fare bella figura con gli amici, impiattare è fondamentale. L’impiattamento spesso è un capitolo ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista