Musèt e brovade, e in Friuli è subito festa

Data Pubblicazione: 03/10/2015

Musèt e brovade, e in Friuli è subito festa

Aggiungiamo un posto a tavola, che arriva la brovada, la ricetta friulana per eccellenza, il sapore e il gusto del Natale e delle feste in famiglia. La brovada consiste nel tagliare a listarelle le rape, dopo che sono state macinate nelle vinacce, e bollirle a lungo in pentola, aggiungendo i sapori come olio, alloro, e un pezzo di taglio grasso di carne di maiale, musetto o costa, che sprigioni gusto, come si trattasse della preparazione di un sugo o di un brodo. Il procedimento di macerazione delle rape avviene alla fine della vinificazione, quando le vinacce sgrondate dal vino vengono lasciate a sgocciolare e inizia la loro fase di acidificazione: successivamente si raccoglieranno le rape e si lasceranno a contatto con le vinacce per circa un mese o poco più, 45 o 50 giorni, assieme ad una soluzione di vino, acqua , aceto e sale, mediante procedimenti e trucchi del mestiere custoditi dai contadini e dalla gente del popolo friulano. Il nome "brovada" è intraducibile in italiano, e deriva dall'antico celtico "breowan", che significa bollire: rimanda quindi ad un alimento che ha bisogno di tempo, che va lasciato cucinare a lungo, che va fatto riposare e "pomare" come si direbbe invece in Veneto, altra regione interessata da questa pietanza popolare. Questo metodo di conservazione della rapa, mediante fermentazione con aceto e vino, risale addirittura al 25 A.C., quindi si può tranquillamente affermare che questo piatto abbia più di 2000 anni! Una volta terminato questo antico procedimento, la rapa viene tagliata, insaccata e pronta per essere messa in commercio e venduta. Quando arriverà in cucina sarà aggiunta in pentola con un soffritto di aglio privato dell'anima, alloro, sale e pepe, e cucinata piano piano per almeno due ore. Fare le cose con lentezza è il segreto di questo piatto dal sapore antico, che non vuole fretta. La brovada, una volta pronta, si presenta con un colore bianco, rosato o violastro, ed ha un sapore acido, forte, di carattere. Si accompagna divinamente con il "muset" , il classico cotechino, e diventa un contorno favoloso. Si possono aggiungere anche fagioli in umido (in veneto, "in potacin") o purè di patate, per un piatto ancora più sostanzioso, confortevole : si tratta infatti del cosiddetto "comfort food", cibo che conforta, oltre a saziare, e rimanda a ricordi di infanzia, facendoci stare bene. Una bollicina da accompagnare, come uno spumante Franciacorta o un calice di buon vino rosso come un Pignolo, e sarà un Natale meraviglioso. Tanti Auguri! Dal 2011 la brovada è riconosciuta marchio DOP e in Friuli esiste un'associazione che si occupa del 90% della distribuzione di questo piatto tipico, in tutta Italia. Conservare, tutelare e valorizzare, tre verbi necessari a far sì che il cibo che ci accompagna in tutta la nostra vita sia cultura e identità.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

I 5 ALIMENTI DA NON RISCALDARE MAI

Non capita di rado che avanzi qualche alimento da pranzo e si metta da parte per riscaldarlo poi il giorno successivo. Attenzione però: alcuni cibi, ...

Continua a leggere

BUON APPETITO: PERCHÉ NON VA DETTO PER IL GALATEO

E’ una delle domanda che spesso escono fuori quando si parla di galateo: perché non è corretto augurare buon appetito all’inizio di un pasto? ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista