I cibi del futuro: l'hamburger di zebra

Data Pubblicazione: 27/08/2015

I cibi del futuro: l'hamburger di zebra

I cibi del futuro: l'hamburger di zebra. Expo 2015 continua a stupire con cibi provenienti da tutto il mondo: dopo l'hamburger di coccodrillo, presto arriverà quello di zebra! Nel mese di maggio 2015 ha avuto inizio a Milano la grande Esposizione Universale, che quest'anno ha come tema il cibo e l'alimentazione. Lo slogan che riassume l'intera manifestazione, infatti, è Nutrire il pianeta, energia per la vita; tale motto sottintende il fatto che il nutrimento viene vissuto anche come problematica globale, con la necessità di trovare nuove risorse capaci di sfamare i milioni di abitanti del pianeta. Accanto al problema alimentare, un altro aspetto che viene affrontato in convegni e incontri è quello relativo alle risorse energetiche. Intanto, in attesa di trovare risposte ai grandi interrogativi che ci aspettano per la sostenibilità futura, i padiglioni di Expo sono anche un'occasione per conoscere e assaggiare curiosità e ghiottonerie provenienti da tanti paesi, spesso molto distanti e molto diversi dal nostro. Se la tradizione culinaria italiana, infatti, è consolidata e apprezzata un po' ovunque, ci sono tante cucine etniche di cui sappiamo poco o nulla. Le ricette della tradizione orientale, cinese e giapponese, ormai sono state sdoganate, e ristornati indiani e messicani si possono trovare quasi in ogni città della penisola; ci sono però Paesi pressoché sconosciuti, dal punto di vista culinario, ad esempio l'Africa. Nel cluster dedicato a tuberi e cereali si trova lo stand dello Zimbabwe, che ha stupito tutti con un piatto davvero inusitato: ovvero, l'hamburger di carne di coccodrillo. Il crocoburger è preparato con formaggio, verdure e salse e ha stupito e deliziato migliaia di visitatori. Al punto che si è pensato di fare il bis: presso lo stand, infatti, ora una zebra disegnata, che simpaticamente si definisce un cavallo sfortunato e bianco, annuncia il prossimo arrivo dello zebraburger, ovvero di un hamburger confezionato con la carne di questo animale. Non si conoscono esattamente le tempistiche, poiché importare carni e prodotti alimentari dallo Zimbabwe è un po' complicato, ma gli organizzatori dello stand assicurano che al massimo entro un mese si potrà assaggiare questa nuova prelibatezza locale. Paese che vai, usanza che trovi: e anche cibo, come Expo sta dimostrando!

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

I 5 ALIMENTI DA NON RISCALDARE MAI

Non capita di rado che avanzi qualche alimento da pranzo e si metta da parte per riscaldarlo poi il giorno successivo. Attenzione però: alcuni cibi, ...

Continua a leggere

BUON APPETITO: PERCHÉ NON VA DETTO PER IL GALATEO

E’ una delle domanda che spesso escono fuori quando si parla di galateo: perché non è corretto augurare buon appetito all’inizio di un pasto? ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista