Cibi fermentati e salute

Data Pubblicazione: 18/05/2016

Cibi fermentati e salute

Gli straordinari vantaggi del consumo di alimenti fermentati CIBI FERMENTATI E SALUTE
 
Cibi fermentati e salute un binomio perfetto! I cibi fermentati, utilizzati fin dall'antichità, hanno sapori forti e particolari. Offrono tanti benefici per la salute grazie a numerosi nutrienti.
Da tempo immemorabile l'uomo ha scoperto gli alimenti fermentati, i quali potevano essere conservati più a lungo rispetto a quelli freschi. Inoltre l'opera dei batteri e dei lieviti trasformava il cibo, rendendolo di diversa consistenza e di gusto più intenso. Nella storia, in base ai Paesi e ai relativi popoli, cibi diversi sono stati sottoposti a fermentazione. In Estremo Oriente due alimenti fermentati molto diffusi sono sempre stati la soia ed il pesce. Nell'antico Messico si fermentava il mais, nel Nord Europa i crauti, derivati dai cavoli. In Ucraina e Russia una delle bevande tradizionali è il kvas, poco alcolico e ottenuto dalla fermentazione del pane di segale. Ovunque il latte era consumato fermentato. In Cina e Giappone sono ancora oggi molto diffusi i cibi fermentati, ritenuti non solo nutrienti ma veri farmaci. Al giorno d'oggi, in Occidente, grazie ai frigoriferi ed ai metodi di conservazione, tra cui la pastorizzazione e la sterilizzazione, gli alimenti fermentati sono piuttosto pochi, ma anche molto diffusi. Tra questi abbiamo il vino e la birra, il pane lievitato naturalmente, l'aceto e lo yogurt. I cibi sottoposti a fermentazione offrono diversi benefici per la salute perché sono ricchi di enzimi, di vitamine, come quelle del complesso B e la C, antiossidanti, acido lattico e lattobacilli, cioè i fermenti lattici vivi. Questi ultimi, in particolare, hanno un'azione di rigenerazione della flora intestinale, con conseguente miglioramento del sistema immunitario e quindi della salute generale, oltre a inibire la crescita di batteri patogeni. I fermenti bloccano i processi putrefattivi, disintossicano, disinfettano, migliorano la digestione ed il microcircolo. Inoltre rendono la pelle più bella e contrastano l'attacco della Candida e di altre micosi, delle allergie e delle infiammazioni. Gli enzimi contenuti nei cibi fermentati rendono più efficienti i processi digestivi e prevengono numerose patologie. Ne sono particolarmente ricchi lo yogurt, il kefir e le verdure fermentate e salate. A causa degli antibiotici, dello stress, del fumo di sigarette o di diete squilibrate la flora intestinale può facilmente alterarsi. Sono sufficienti due ridotte porzioni di alimenti fermentati per ristabilire l'equilibrio. Lo yogurt ed il kefir sono perfetti a colazione mentre i crauti sono ideali insieme ad altre verdure. Altri contorni possono essere il miso e le prugne umeboshi giapponesi.
I cibi fermentati sono senza dubbio molto vantaggiosi e migliorano il nostro benessere. Non dovrebbero quindi mai mancare nell'alimentazione quotidiana.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

I 5 ALIMENTI DA NON RISCALDARE MAI

Non capita di rado che avanzi qualche alimento da pranzo e si metta da parte per riscaldarlo poi il giorno successivo. Attenzione però: alcuni cibi, ...

Continua a leggere

BUON APPETITO: PERCHÉ NON VA DETTO PER IL GALATEO

E’ una delle domanda che spesso escono fuori quando si parla di galateo: perché non è corretto augurare buon appetito all’inizio di un pasto? ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista