Come pulire e tagliare il porro in pochi minuti

Data Pubblicazione: 13/12/2016

Come pulire e tagliare il porro in pochi minuti

Pulire e tagliare il Porro non è certo un'operazione complicata che richiede tempo o fatica: basta un po' di acqua, un coltello e un tagliere per poter fare tutto in pochi minuti. Come illustrato nella nostra guida il porro è un ortaggio che può essere utilizzato al posto della cipolla per chi gradisce un gusto più leggero e delicato. Si può consumare sia cotto che crudo ma in entrambi i casi occorre pulire e tagliare il porro.

Pulire e tagliare il porro: come fare

Prima di vedere come pulire e tagliare il porro, ricordiamo che solitamente la parte da utilizzare è quella bianca, mentre quella più scura va eliminata. Come detto quando compriamo un porro, per procedere con la pulizia e il taglio dobbiamo munirci di coltello affilato e tagliare. Prendiamo il porro e tagliamo le due estremità. A questo punto eliminiamo le foglie più esterne e sciacquiamolo sotto acqua corrente. Possiamo anche posizionare il porro in un colino e poi metterlo in una bacinella con acqua e bicarbonato per un paio di minuti. Successivamente risciacquiamo e procediamo con il taglio.

Anelli, mezzelune o tritato: come tagliare il porro

Una volta lavato con cura, il porro è pronto ad essere tagliato a proprio piacimento. Ad anelli, a mezzaluna, tritato o ancora a listarelle. Ci sono varie forme che possiamo scegliere, vediamo come. Il taglio più semplice è quello ad anelli. Prendiamo il porro senza le due estremità e lo affettiamo con fette di non più di un paio di centimetri. Separando le varie foglie con le dita avremo gli anelli di porro. Se invece vogliamo delle mezzelune dobbiamo prima procedere a dividere il porro a metà in senso della lunghezza. Fatto ciò prendiamo una metà e la posizioniamo sul tagliere: procediamo ad affettare ed avremo le nostre mezzelune. Infine, possiamo tritare il porro: tagliamo a strisce le due metà e poi in piccoli pezzetti. Per tagliare il porro a listarelle, invece, occorre sovrapporre due-tre foglie, ripiegarle due-tre volte e poi procedere con il taglio. Come visto pulire e tagliare il porro è davvero semplice: ora non resta che sfruttare questo ortaggio in una delle tante ricette che trovate a questo link.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

I 5 ALIMENTI DA NON RISCALDARE MAI

Non capita di rado che avanzi qualche alimento da pranzo e si metta da parte per riscaldarlo poi il giorno successivo. Attenzione però: alcuni cibi, ...

Continua a leggere

BUON APPETITO: PERCHÉ NON VA DETTO PER IL GALATEO

E’ una delle domanda che spesso escono fuori quando si parla di galateo: perché non è corretto augurare buon appetito all’inizio di un pasto? ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista