Cani come persone, ma a tavola è meglio fare attenzione

Data Pubblicazione: 12/02/2016

Cani come persone, ma a tavola è meglio fare attenzione

Fido a tavola: gli alimenti da evitare per mantenerlo in salute

Spesso si tende a trattare i propri cagnolini come se fossero persone, anche per quanto riguarda l'alimentazione. Il loro organismo però è differente da quello umano e alcuni cibi, nocivi per la salute, è meglio bandirli.

Uno fra gli alimenti più pericolosi per i cani è senza dubbio il cacao ed i suoi derivati: esso infatti contiene la teobromina, una sostanza tossica che può condurli persino alla morte. Questo alcaloide è capace di danneggiare gli organi interni, soprattutto i reni, i polmoni, il cuore ed il sistema nervoso centrale. Bastano 50 grammi per arrecare seri danni all'organismo del cane e gli effetti devastanti si possono osservare già nelle prime ore di somministrazione sotto forma di infarti, emorragie interne e convulsioni. Altri dolciumi da proibire al proprio amico a quattro zampe sono le caramelle: in genere contengono un alto tasso di lattosio, indigeribile per il cane. Allo stesso modo, lo zucchero in generale è totalmente da bandire dalla sua alimentazione, poiché risulta indigesto e a lungo andare può provocare il diabete mellito. D'altra parte anche il sale non scherza: specialmente nei cuccioli può causare l'insorgere di patologie dell'apparato cardiocircolatorio.
Un cibo insospettabile, e che molte persone danno tranquillamente al proprio cagnolino è il pane: in realtà il lievito contenuto in esso è nocivo e può arrecare forti dolori addominali, portando addirittura alla rottura di intestino o stomaco.
Sebbene in generale la frutta, come ad esempio le mele, sia salutare, l'uva costituisce una letale eccezione. A tutt'oggi non si è ancora riusciti a capire quale sia la causa scatenante che porta i cani che la ingeriscono all'insufficienza renale e di seguito alla morte. Cipolle e aglio, elementi cardine della cucina mediterranea, sono altresì da bandire dall'alimentazione canina: questi bulbi contengono difatti il disolfuro di n-propile, in grado di attaccare i globuli rossi e distruggerli. Ciò causa diarrea, vomito ed in certi casi persino una grave anemia. Pericolosi anche i pomodori crudi acerbi e le patate crude, poiché contengono solanina, una tossina che i cani non riescono a metabolizzare e che genera affanno, tremori, dolore allo stomaco e tachicardia. 
A dispetto dell'immaginario collettivo infine anche le ossa sono da evitare. Specialmente quelle di selvaggina e pollame, più tenere, tendono a frantumarsi e a scheggiarsi e, specialmente nei cagnolini di taglia più piccola, possono procurare perforazioni allo stomaco e all'intestino e quindi la morte.

L'amore per il proprio cucciolo passa quindi anche dall'alimentazione: meglio imparare a nutrirlo in modo sano in modo da regalargli una vita lunga e felice.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CIBI SENZA GLUTINE, GRATIS PER I CELIACI: IL DECRETO

Cibi senza glutine gratis per celiaci: resta garantita l’assistenza a chi soffre di celiachia grazie al decreto approvato dalla Conferenza Stato ...

Continua a leggere

CARNE ALLA GRIGLIA: PERCHÉ FA MALE

Ormai è cosa nota ai più: mangiare spesso carne alla griglia può provocare problemi di salute. Tra i rischi della carne cucinata alla griglia ...

Continua a leggere

PIZZE STRANE, LE FORME PIÙ CURIOSE AL MONDO

Può un grande classico come la pizza diventare una ricetta originale? Assolutamente sì, se parliamo di pizze strane: al bando la classica forma ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista