La pinsa romana

Data Pubblicazione: 02/10/2019

La pinsa romana

La pinsa romana è una ricetta che ha una storia molto lunga alle sue spalle: le sue origini sono, infatti, da far risalire all'Antica Romana. In quel tempo, contadini e pastori si ingraziavano i dei con l’offerta di cibo: in particolare, offrivano un impasto realizzato con farine di cereali (dal miglio ad orzo e farro), acqua ed erbe aromatiche. Questo impasto dava vita a focacce che erano cotte su pietre piatte, posizionate sui carboni. La pinsa romana che conosciamo oggi è invece nata soltanto qualche anno fa: siamo nel 2001 quando sorge a nuova vita una ricetta che aveva, invece, già segnato la storia. Da piatto povero a prodotto moderno, riconosciuto a tal punto da meritarsi un marchio registrato. Per la pinsa romana, ricetta originale si deve all'azienda Di Marco: è il patron Corrado, fondatore di questa azienda, che nel 2001 dà vita al prodotto che oggi è riconosciuto come pinsa romana vera e propria.

Ingredienti e segreti della pinsa romana

Questa focaccia è realizzata con un mix di farine: frumento, soia, riso e pasta madre. Questo impasto è ottenuto ad un alto grado di idratazione, circa il 75%. In particolare un ingrediente di fondamentale importanza è la farina di riso: è lei a far fissare l’acqua presente nell'impasto durante la cottura. Importante anche la pasta madre. Inoltre, a differenza dalla normale pizza, anche la lavorazione della pinsa romana assume aspetti particolari. Per ottenere una vera pinsa romana è necessaria una lievitazione di non meno di 2 giorni: questo consente di avere un prodotto leggero e altamente digeribile. Il risultato è un impasto croccante ai bordi e morbido all'interno. Un mix che rende la pinsa romana indicata per un’infinità di condimenti e abbinamenti: si può tranquillamente lasciarsi trasportare da gusto e fantasia, questo il pregio della pinsa romana come la conosciamo oggi.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

ALIMENTI E CATTIVO ODORE

Cattivo odore, colpa del cibo. Ci sono alcuni alimenti che possono causare il cattivo odore del corpoe che quindi vanno ad influire in un problema ...

Continua a leggere

MANGIARE UVA FA INGRASSARE: LA FALSA CREDENZA

Settembre è il periodo dell’Uva e resistere al richiamo dei chicchi è troppo difficile. Un sapore irresistibile, un chicco tira l’altro ed ...

Continua a leggere

COSA MANGIARE A SAN GENNARO

Oggi, 19 settembre, è San Gennaro. Festa patronale a Napoli, giorno in cui (uno dei tre all'anno) avviene la liquefazione del sangue del Santo ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista