Giorgio Pinchiorri, all'asta il suo vino per i dipendenti

Data Pubblicazione: 27/08/2020

Giorgio pinchiorri, asta del vino per i dipendenti

Le bottiglie di vino di Giorgio Pinchiorri all’asta per pagare le ferie ai dipendenti. L’iniziativa parte da lontano ed è destinata a lasciare il segno. A spiegarla in un’intervista al ‘Corriere della Sera’ è lo stesso Pinchiorri che racconta dei contatti avviati a maggio 2019 con l’amministratore delegato di Zachys, casa d’aste americana, specializzata proprio in vini. In quell’occasione è arrivata la proposta di mettere all’asta alcune delle bottiglie più pregiate. Da quel giorno è partita l’operazione che porterà il 12 settembre alla prima asta europea dedicata esclusivamente alle bottiglie di vino di Giorgio Pinchiorri. Ben 2.250 bottiglie, divise in 864 lotti, con un valore complessivo di base di due milioni di euro.
Cifre da capogiro che partono da alcune bottiglie davvero di grande valore: troviamo così due magnum di Vosne-Romanée Cros-Parantoux Reserve Henri Jayer 1999 che partono da una base d’asta intorno ai 66mila euro. Poi ecco sei di Pétrus 1961 del valore di partenza di 33mila euro. Ancora: ci sono due Romanée-Conti Domaine de la Romanée-Conti 1990 con prezzo di partenza di 26mila euro. Appuntamento il 12 settembre dopo che a marzo, causa coronavirus, tutto è stato rimandato.

Pinchiorri, vino all’asta con tristezza

Lo stesso Pinchiorri spiega cosa farà con i proventi di quest’asta: “Voglio fare qualcosa per i miei dipendenti – ha spiegato -. Sono 51 e qualcuno lavora con me da 10-15 anni. Hanno dai 30 ai 50 giorni di ferie accumulate: al di là di come andrà l’asta, la prima cosa che farò sarà liquidare quegli arretrati nella busta paga di dicembre”. Poi quello che avanza sarà reinvestito in ristorante e cantina e sarà utile anche per il 2021: “La crisi ci stangherà almeno per i primi sei mesi del prossimo anno”. Periodo difficile, come difficile è stata la decisione di mettere all’asta le bottiglie di vino: lacrime e baci al momento dell’imballaggio perché “sono figli che non ci saranno più”.

Pubblicata il 27/08/2020

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

FESTA DELLA LIBERAZIONE: IL PIATTO DEL 25 APRILE È LA PASTASCIUTTA ANTIFASCISTA

E’ la festa della liberazione anche a tavola: si celebrano i 73 anni dell’insurrezione delle forze partigiane e della sconfitta del regime ...

Continua a leggere

CONSERVARE FRUTTA E VERDURA AL MEGLIO

Tra i metodi più conosciuti per conservare frutta e verdura, il più utilizzato consiste nel mettere il cibo in frigorifero. Questo significa ...

Continua a leggere

RISPONDERE A CHI STARNUTISCE SECONDO IL GALATEO

Etciù! Salute! La relazione è stretta ed è impossibile trattenersi in un caso o nell’altro: dopo una starnuto arriva sempre chi risponde ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista