Pesce rombo

Data Pubblicazione: 04/02/2019

Pesce rombo

Il pesce rombo nella terminologia scientifica è conosciuto con il nome di Psetta maxima. Appartenente alla famiglia delle Scoftalmidi, deriva il suo nome dalla forma, appunto, romboidale. Piatto, presenta tubercoli ossei intorno all’occhio, una bocca grande e con denti affilati e piccoli. Lungo dai 40 centimetri a un metro, presenta diverse pinne. Del rombo se ne conoscono varie specie: dal quattrocchi al giallo, dal rombo liscio a quella chiodato; proprio queste ultime due sono ritenute le specie più pregiate e le migliori da utilizzare in cucina.

Il rombo liscio presenta due occhi sullo stesso lato e vive sdraiato sul lato opposto; di colore bruno-beige, ha un dorso liscio: si trova soprattutto nel mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico. Il chiodato invece presenta dei tubercoli ossei, ha un colore tendente al grigio verde ed è più grande di quello liscio; la sua casa è nell’Oceano Atlantico, nel mar Mediterraneo, nel mar Baltico e nel mar Nero. A livello culinario, i rombi che ci ritroviamo in cucina derivano dagli allevamenti presenti nel Mar del Nord.

Proprietà e valori nutrizionali del pesce rombo

Il rombo, pesce dalla carne magra, deve essere venduto eviscerato. Ottimo da servire anche ai bambini, presenta una grande quantità di sali minerali, soprattutto calcio e fosforo. Il pesce rombo garantisce anche l’assunzione di una discreta quantità di proteine di elevato valore biologico: proprio per questo è un alimento adatto a chi pratica attività sportiva. Pochi i grassi contenuti, quasi tutti insaturi.
Ecco quali sono i valori nutrizionali per 100 grammi di pesce rombo:
  • Kcal 95
  • Proteine 16,05 g
  • Carboidrati 0 g
  • Zuccheri -- g
  • Grassi 2,95 g
  • saturi 0,75 g
  • monoinsaturi 0,61 g
  • polinsaturi 0,88 g
  • colesterolo 48 mg
  • Fibra alimentare 0 g
  • Sodio 150 mg
  • Alcol – g

Come conservare

Il rombo può essere conservato in frigorifero per un paio di giorni, anche se è preferibile cucinarlo il prima possibile. Inoltre è possibile congelarlo o surgelarlo, sempre meglio farlo appena acquistato.

Varietà di preparazione del rombo

Ma come si può cucinare il rombo? Abbiamo detto che questo pesce presenta una carne magra e pregiata: proprio questo lo rende particolarmente adatto anche a chi non apprezza molto piatti di pesce. Dalle lische grandi, e quindi eliminabili facilmente, può essere pulito direttamente in pescheria, agevolando così la sua preparazione. Tante le ricette che possono essere realizzate utilizzando questo pesce. E’ di sicuro adatto ad essere fatto al forno, ad esempio è molto buono il rombo al cartoccio. Ma le preparazioni sono decisamente tante: il rombo può essere così fatto al sale con erbe aromatiche o ancora gratinato. Di questo pesce possono poi essere cucinati anche gli scarti: ottimi per realizzare un brodo di pesce o il fumetto.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

ERRORI A CENA CHE ROVINANO IL SONNO

Gli errori a cena possono compromettere anche il sonno. Non è certo una novità che quello (e come) si mangia la sera può andare ad incidere sulla ...

Continua a leggere

ERNIA IATALE

L’ernia iatale è una patologia che riguarda l’apparato digerente. In particolare si verifica quando lo stomaco passa dall’addome al torace ...

Continua a leggere

BOTULISMO

Con il termine di botulismo si indica una intossicazione causata dalle tossine prodotte dal batterio Clostridium botulinum. Si tratta di un ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista