Fusilli

Data Pubblicazione: 23/07/2019

Fusilli

Tradizionale tipo di pasta che fa parte della storia della cucina italiana, i fusillihanno una storia molto antica alle spalle (circa 400 anni) e sono apprezzati oggi in tutto il mondo. Nascono a Gragnano, in provincia di Napoli, e la loro particolarità è che sono preparati esclusivamente a mano. Il procedimento è ancora oggi in vigore e se ne trova traccia un po’ in tutto il Meridione. La sua forma attorcigliata rende i fusilli ideali per essere preparati con il sugo che va proprio ad infilarsi nelle scanalatura producendo un sapore delizioso.

Storia dei fusilli

Questa tipologia di pasta è realizzata a Gragnano a mano: ancora oggi alcune aziende riservano una parte della loro fabbrica all’insegnamento di questa tradizione. In pratica si attorcigliano gli spaghetti intorno ad un ferretto e poi si lasciano ad essiccare. Detto così sembra semplice ed invece non lo è: questione di velocità e forza del movimento delle mani. Se troppo lento non si riesce a dar vita alla forma unica che contraddistingue il fusillo, se troppo forte, invece, non si riesce a creare il caratteristico buco che rende digeribile questo tipo di pasta. Insomma l’arte di preparare i fusilli non è certo semplice ed è anche per questo che un tempo le famiglie più ricche erano solite, quando volevano gustarsi dei fusilli perfetti, chiamare a raccolta le massaie specializzate in tale procedimento. La stessa tecnica è utilizzata anche in altre parti d’Italia per dar vita ad altri tipi di pasta.

Varietà di fusilli

Come detto esistono diverse varietà di fusilli: oltre a quelli di Gragnano, in Campania troviamo i fusilli di Felitto, gli avellinesi, quelli di Gioi e il furitano di Minori, tutti che rientrano nel Registro dei Prodotti agroalimentari tradizionali campani. Il fusillo di Avellino presenta una forma più stretta ed allungata ed è realizzata con acqua calda e farina o farina e semola: la lavorazione porta a creare cilindri di 5 centimetri che vengono poi schiacciati utilizzando il fuso di ferro. I fusilli di felitto invece sono una pasta fresca all’uovo: hanno la forma di un maccherone forato con lunghezza di circa 20 centimetri e uno spessore di appena 24 mm. Fuori dalla Campania troviamo invece le busiate trapanesi: simili ai fusilli di Avellino, hanno una larghezza più ampia e derivano il loro nome dal ramo di buso con il quale veniva eseguita la trafilatura.

Come usare i fusilli in cucina

Certamente parliamo di un tipo di pasta che può essere utilizzato in molti modi, per i fusilli ricette tra le più note sono i fusilli alla molisana e i fusilli al forno, oppure dei semplici fusilli al sugo o ancora conditi con il ragù. Per forma e caratteristiche preferiscono i condimenti semplici e gustosi: basterà una semplice salsa al pomodoro o delle gustose verdure, per rendere un primo piatto con i fusilli squisito.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

DIVERTICOLOSI E DIVERTICOLITE

La diverticolosi è la condizioni di chi presenta diverticoli senza particolari sintomi. I diverticoli sono delle estroflessioni non molto grandi ...

Continua a leggere

RISTORANTI, ADDIO CENE

Addio cene al ristorante, almeno per un mese. E’ questo il succo del DPCM firmato ieri da Giuseppe Conte. Un nuovo decreto per chiudere le ...

Continua a leggere

AEREO IN RITARDO: LA MODELLA DEVE MANGIARE LE OSTRICHE

La notizia è di quelle che desta stupore: un aereo in ritardo per consentire ad una viaggiatrice di gustarsi un piatto di ostriche. Vero e assurdo, ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista