Farina di semola

Data Pubblicazione: 20/05/2020

Farina di semola

La farina di semolaè ottenuta attraverso la macinazione del grano duro. Si tratta di un prodotto tipico del Sud Italia, molto diffuso in particolar modo in Puglia e Sicilia. Rispetto a quella di grano tenero, la farina di semola di grano duro presenta un colore giallo ambrato ed è leggermente più grande. Si tratta della farina utilizzata in passato anche per la preparazione della pasta fatta in casa.

Proprietà farina di semola

La farina di semola gode di tutte le proprietà di questo cereale. Il grano duro, infatti, presenta un’alta quantità di proteine, ma è anche ricco di glutine. Inoltre ha una capacità di assorbimento dell’acqua maggiore rispetto al grano tenero. Presenta anche un indice glicemico più bassi, favorisce il funzionamento intestinale ed è utile per abbassare i livelli di colesterolo. Questa farina di semola di grano duroè caratterizzata anche un basso tenore delle ceneri: è questo particolare che non la fa scurire con il passare del tempo. Tra le altre caratteristiche da rimarcare, c’è l’elevata presenta di fibre e Sali minerali (soprattutto potassio, ferro e fosforo) ma anche di vitamine, come tiamina e niacina, e di carotenoidi (come il betacarotne e la luteina). Tutte sostanze che hanno una funzione anti-invecchiamento cellulare e sembra che proteggano anche dai tumori.

Varietà di utilizzo in cucina

Abbiamo già accennato al fatto che la farina di semola sia particolarmente indicata per la preparazione della pasta fatta in casa, ma non solo. Ottima anche per tutte le preparazioni lievitate, come ad esempio il pane o alla pizza. I prodotti realizzati con il grano duro presentano un colorito dorato. Tra le paste tradizionalmente realizzate con questa farina ci sono le orecchiette pugliesi o gli strascinati, sempre della Puglia. Ma possiamo anche realizzare dei biscotti o delle torte con la farina di semola o ancora gli gnocchi alla romana o anche il migliaccio napoletano.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

ALIMENTI E CATTIVO ODORE

Cattivo odore, colpa del cibo. Ci sono alcuni alimenti che possono causare il cattivo odore del corpoe che quindi vanno ad influire in un problema ...

Continua a leggere

MANGIARE UVA FA INGRASSARE: LA FALSA CREDENZA

Settembre è il periodo dell’Uva e resistere al richiamo dei chicchi è troppo difficile. Un sapore irresistibile, un chicco tira l’altro ed ...

Continua a leggere

COSA MANGIARE A SAN GENNARO

Oggi, 19 settembre, è San Gennaro. Festa patronale a Napoli, giorno in cui (uno dei tre all'anno) avviene la liquefazione del sangue del Santo ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista