Specialty coffee

Data Pubblicazione: 14/07/2019

Specialty coffee

Chi non lo ha mai sentito nominare ultimamente? Quanti di voi hanno fatto finta di conoscerlo e poi via subito su internet a cercare di capire di cosa si parlava? Il protagonista è lo specialty coffee, un particolare caffè verde, specie Arabica, che viene tostato ed estratto rispettando determinati standard di qualità. In pratica un caffè per diventare specialty coffee deve sottostare a quattro differenti tappe, tutte devono essere eseguite con grande cura.
Si parte dalla semina e dalla coltivazione di questa varietà di Arabica che deve essere raccolta e lavorata in maniera appropriata: in pratica in questo caso il coltivatore dovrà mettere in primo piano la qualità piuttosto che la quantità. Poi tocca alla valutazione della qualità: in questo caso, in base al metodo di degustazione del protocollo SCA, il chicco di caffè deve ottenere un punteggio superiore agli 80 per essere definito specialty.

Cosa sono i specialty coffee

Si arriva quindi alla terza fase, quella della tostatura: in questo caso occorre utilizzare attrezzature e procedimenti standardizzati e di elevata qualità per ottenere l’ormai famoso specialty coffee. Finito qui? Niente affatto perché entriamo a questo punto nella fase forse più importante: l’estrazione. Qui entra in scena il barista che dovrà trattare questo tipo di caffè in maniera adeguata per non trasformarlo in un normale caffè da banco.
La nascita di questa definizione può essere fatta risalire al 1974: la prima bozza fu poi perfezionata da Erna Knutsen sul Tea & Coffee Trade Journal; in questo caso specialty coffee divenne il termine per definire un settore che stava rinascendo ed espandendosi. Caffè speciali perché ogni microclima rende unico il profilo aromatico dei caffè che venivano lì coltivati e prodotti. Poi arrivò la Specialty Coffee Association of America a dare ufficialità a questo concetto con i specialty coffee divenuti una realtà.

Pubblicata il 14/07/2019

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CONSERVARE FRUTTA E VERDURA AL MEGLIO

Tra i metodi più conosciuti per conservare frutta e verdura, il più utilizzato consiste nel mettere il cibo in frigorifero. Questo significa ...

Continua a leggere

COME PULIRE UNA PADELLA IN GHISA

Pulire la padella in ghisa in modo perfetto è fondamentale per far in modo che tale strumento non si rovini e non si formi la ruggine. Ecco allora ...

Continua a leggere

FAR TORNARE ANTIADERENTE UNA PADELLA CONSUMATA

La padella antiaderente è uno degli strumenti più utilizzati in cucina. Forse non avrebbe bisogno neanche di presentazione, ma comunque la ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista