Differenza Tra Strutto E Sugna

Data Pubblicazione: 25/03/2021

La differenza tra strutto e sugna

Qual è la Differenza Tra Strutto E Sugna? Entrambi grassi, strutto e sugna non sono la stessa cosa. In linea generale si può dire che il primo è il prodotto che deriva dal processo di fusione del grasso sottocutaneo, mentre la sugna è un grasso viscerale. Entriamo però nel dettaglio per scoprire la differenza tra strutto e sugna. Partiamo con lo strutto che si ottiene dal maiale ed è stato a lungo utilizzato per la frittura e per la preparazione di impasti. Sostituito ora da olio e burro, fino alla metà del novecento è stata la scelta principale sia per l’utilizzo in casa che per la conservazione di salumi e insaccati. A dire il vero lo si utilizzava anche non in cucina, in particolare per lubrificare gli ingranaggi degli assi dei carri agricoli. Ma come si ottiene lo strutto? Attraverso la fusione del grasso ricavato dalla zona dorsale del maiale. Questo era tagliato in piccoli cubi, scaldato lentamente fin quando non si arrivava ad un parziale scioglimento. Tale liquido, così ottenuto, era poi filtrato e riposto in barattoli di vetro dove era lasciato raffreddare finché non assumeva il colore bianco e la consistenza morbida che lo caratterizza.

Differenza tra strutto e sugna: perché c’è confusione?

La sugna invece deriva dal grasso viscerale della zona surrenale. Rispetto allo strutto è più delicata e morbida; inoltre è quasi completamente priva di impurità. In passato era utilizzata come unguento per le scottature. In cucina aveva grosso modo lo stesso utilizzo dello strutto, magari era utilizzata in preparazioni più delicate, sempre dopo essere stata sottoposta a procedimento di fusione. Ricetta classica sono i taralli sugna e pepe, un must della cucina napoletana.

Ma come mai si genera questa confusione tra strutto e sugna? Forse l’utilizzo come sinonimi di questi due termini, deriva dai dialetti meridionali dove con nzogna si fa riferimento allo strutto. Ecco quindi nascere la confusione tra strutto e sugna, con la differenza che ora – speriamo - sarà un po’ più chiara.

Pubblicata il 25/03/2021

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

FESTA DELLA LIBERAZIONE: IL PIATTO DEL 25 APRILE È LA PASTASCIUTTA ANTIFASCISTA

E’ la festa della liberazione anche a tavola: si celebrano i 73 anni dell’insurrezione delle forze partigiane e della sconfitta del regime ...

Continua a leggere

CONSERVARE FRUTTA E VERDURA AL MEGLIO

Tra i metodi più conosciuti per conservare frutta e verdura, il più utilizzato consiste nel mettere il cibo in frigorifero. Questo significa ...

Continua a leggere

RISPONDERE A CHI STARNUTISCE SECONDO IL GALATEO

Etciù! Salute! La relazione è stretta ed è impossibile trattenersi in un caso o nell’altro: dopo una starnuto arriva sempre chi risponde ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista