Gomme da masticare

Data Pubblicazione: 18/05/2019

Gomme da masticare

Le gomme da masticare (internazionalmente definite “chewing gum”) stanno vivendo un momento di crisi. Sembrerebbe infatti che, se da una parte profumano l’alito, dall’altra rappresentino una delle principali cause di problemi di aerofagia e non solo.
I consumatori si stanno accorgendo di alcuni aspetti negativi legati al consumo di gomme da masticare, soprattutto in caso di quantità "massicce". Va infatti detto che, se consumato in modo equilibrato, anche il chewing gum resta un piacere abbastanza innocuo (anche se sarebbe comunque meglio astenersi!) Ma masticare tante gomme al giorno fa male, parola di gastroenterologo.
Tuttavia sfatiamo un mito: ingoiare accidentalmente un chewing gum non dovrebbe provocare alcun danno al corpo di un adulto. Non è assolutamente vero, come sostiene una famosa leggenda metropolitana, che ci vogliono 7 anni per digerirla! Tuttavia ingoiarne molta potrebbe causare ostruzioni nel tratto digestivo, soprattutto nei bambini, arrivando a richiedere la rimozione chirurgica.

Gomme da masticare: usiamole con moderazione!

Masticare per poco però può far bene. Secondo una ricerca dell’Università di Groningen, nei Paesi Bassi, masticare per 10 minuti può infatti trasferire sulla gomma circa cento milioni di batteri presenti nel cavo orale e circa il 10% della carica microbica contenuta nella saliva. L’azione si è inoltre rivelata più efficace nei primi 30 secondi, in quanto poi diminuisce l’adesività che permette di catturare i batteri. Anzi, oltre i 10 minuti, si rischia che tutti i batteri “catturati” finiscano per tornare in bocca.
Nonostante assicuri una buona igiene dentale, uno degli elementi di maggiore preoccupazione risiede proprio nella presunta “assenza di zucchero”: se è vero che molti marchi hanno bandito lo zucchero dalla composizione, è altrettanto vero che questo è stato ampiamente sostituito dai polioli (carboidrati idrogenati usati come dolcificanti in sostituzione allo zucchero) al fine di non perdere la gradevolezza di un sapore dolce. Purtroppo si tratta di composti chimici considerati “indigesti” dal nostro corpo! Per non parlare dei disturbi provocati alla digestione dal semplice atto della masticazione di una gomma: il cervello recepisce che si sta masticando anche se nello stomaco non arriva cibo. Masticando si accumula saliva in bocca e, quando questa viene inghiottita, si ingerisce anche aria, provocando aerofagia.
Se si consumano più di 12 gomme da masticare al giorno, il transito intestinale viene accelerato perché c'è un effetto lassativo e non c’è nulla di più sbagliato del masticare chewing gum per ingannare i morsi della fame: il corpo si accontenterà temporaneamente ma, al momento del pasto, chiederà ancora più cibo! Inoltre i chewing gum possono aumentare il nostro desiderio di cibo spazzatura, causare mal di testa e causare numerosi piccoli e grandi fastidi dovuti ai dolcificanti artificiali e ad alcuni additivi chimici a volte in essi contenuti.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CIOCCOLATO, MAI IN FRIGORIFERO

E’ il nettare degli dei, il cibo che riesce a far gola a tutti, ma proprio a tutti. Eppure il cioccolato in estate dà più di qualche problema e ...

Continua a leggere

INTOSSICAZIONE DOPO PRANZO DA SORBILLO

Mangiano una pizza a Napoli e finiscono in ospedale. E’ la storia raccontata da due ragazze della Costiere Amalfitana, di passaggio in città per ...

Continua a leggere

FRUTTI ESTIVI PIÙ CONSUMATI

L’estate è anche la stagione della frutta. Con il caldo cresce la voglia di mangiare freschi e dissetanti frutti: ma quali sono quelli più ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista