Additivi ingeriti in un anno

Data Pubblicazione: 09/08/2016

Additivi ingeriti in un anno

Quanti sono gli additivi ingeriti in un anno?
 
Gli additivi si trovano in molti alimenti di uso comune: cibi in scatola, bevande, merendine e caramelle ma quanti sono gli additivi ingeriti in un anno? La Siaaic parla di circa un chilogrammo a persona. Nei cibi che mangiamo quotidianamente sono presenti additivi di ogni tipo: coloranti, stabilizzanti e conservanti vengono aggiunti agli alimenti allo scopo di migliorarne l'aspetto estetico e prolungarne la conservazione. Il cibo che si mantiene più a lungo - e lo fa presentandosi sempre in condizioni perfette - risulta più appetibile agli occhi del consumatore. Questo spiega perché gli additivi sono largamente impiegati in molti alimenti diversi : caramelle Additivi-ingeriti-in-un-anno-caramelle carne in scatola <h3>Additivi ingeriti in un anno</h3> carne in scatola merendine <h3>Additivi ingeriti in un anno</h3> merendine e pure nelle bevande <h3>Additivi ingeriti in un anno</h3> bevande Di conseguenza capita spesso di assumere additivi senza nemmeno saperlo: quanti ne mangiamo in un anno? Secondo le stime statistiche, in media introduciamo nel nostro organismo circa 1 chilogrammo di additivi nel corso dell'anno, fra bambini, adulti e persone anziane. A diffondere questi dati è stata la Siaaic - acronimo di "Società italiana allergologia asma e immunologia clinica" - che ha messo in relazione l'eccessiva presenza di additivi nell'organismo umano con l'incremento negli ultimi anni delle allergie, che potrebbero essere causate proprio da conservanti, coloranti e altre sostanze impiegate per preservare i cibi il più a lungo possibile. L'utilizzo di additivi in bevande ed alimenti è permesso dalla legge e viene monitorato in maniera costante da organismi sia italiani che europei: per quel che riguarda il nostro Paese, gli additivi impiegati sono 360 nel settore alimentare, a cui bisogna aggiungere poi gli aromi (che sono circa 3 mila). Tutti questi elementi che vengono aggiunti a cibi e bevande non sono tossici, ma potrebbero essere una delle cause dell'incremento del numero di allergie. Fra gli additivi più utilizzati troviamo la cocciniglia (impiegata per conferire il colore rosso), la tartrazina (colorante giallo), poi abbiamo stabilizzanti, emulsionanti, antiossidanti e conservanti. Pur non essendo tossici, come detto, possono rivelarsi pericolosi per le persone allergiche a queste specifiche sostanze. Anche i soggetti non allergici devono comunque prestare attenzione in quanto tali additivi tendono ad interferire con il sistema immunitario e con la produzione di anticorpi, andando così ad agevolare l'insorgere di allergie di altro tipo, non direttamente correlate alle sostanze presenti negli additivi. Su questo particolare punto si è concentrata l'attenzione degli esperti, per comprendere in che modo l'assunzione di additivi (e in quali quantità, soprattutto) possa innescare le reazioni allergiche. Come è possibile ridurre la quantità di additivi che ingeriamo ogni anno? Innanzitutto preferendo i cibi freschi a quelli conservati, optando per la coltivazione biologica; vanno eliminati - o comunque ridotti al minimo - tutti quegli alimenti in cui sono presenti coloranti e conservanti, nello specifico caramelle, merendine e bevande che non siano succhi di frutta al 100% puri. Come riconoscere i conservanti nocivi

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

COME SARÀ IL NATALE

Un Natale diverso quello che ci attende. Il 2020 è l’anno, purtroppo, del coronavirus e dopo Pasqua il virus modifica le nostre tradizioni anche ...

Continua a leggere

ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE

L’alimentazione consapevole è una tecnica quotidiana con la quale si riesce a modificare il rapporto con il cibo e anche a dimagrire. Riuscire ad ...

Continua a leggere

SPESA IN UN ALTRO COMUNE

Fare la spesa in un altro Comune è possibile anche in zona rossa. Con l’ultimo DPCM le Regioni italiani sono state divise, come è noto, in tre ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista