CASU MARZU

Data Pubblicazione: 06/03/2023

Casu marzu

Il Casu Marzu è un formaggio tradizionale sardo noto per la sua particolare caratteristica di essere infestato dalle larve di una mosca, la Piophila casei. Il formaggio viene prodotto con latte di pecora crudo, caglio animale e sale. Successivamente viene lasciato fermentare all'interno di una grotta per diversi mesi. Durante questo periodo le larve della mosca si nutrono del formaggio, causando la decomposizione delle proteine e la produzione di gas che conferiscono al formaggio la sua tipica consistenza molle e cremosa. Inoltre, le larve conferiscono al formaggio anche un sapore forte e piccante. Tuttavia, il consumo di casu marzu è controverso a causa della potenziale presenza di batteri patogeni. Nonostante questo, il casu marzu è ancora prodotto e consumato in alcune parti della Sardegna, dove viene considerato un cibo pregiato e tradizionale. La sua produzione è regolamentata dalla legge italiana, che predispone rigorose norme igieniche per garantire la sicurezza alimentare del prodotto. Il casu marzu è anche diventato oggetto di interesse per i ricercatori nel campo della biotecnologia alimentare, che studiano le proprietà nutrizionali delle larve della mosca utilizzata nella produzione del formaggio. Il casu marzu è un simbolo dell'identità culturale della Sardegna, dove la produzione del formaggio rappresenta una parte importante della tradizione alimentare locale. Il formaggio è spesso servito come antipasto o accompagnato con pane e vino durante i pasti festivi e le occasioni speciali. Il casu marzu suscita interesse e curiosità tra i gastronomi e gli appassionati di cibo in tutto il mondo, grazie alla sua storia unica e al suo sapore intenso e inconfondibile.

DOVE SI COMPRA

E' possibile acquistare il casu marzu direttamente dai produttori in Sardegna, dove viene considerato un cibo pregiato e tradizionale. Il prezzo può variare a seconda del produttore e della quantità acquistata, ma in genere è piuttosto elevato rispetto ad altri formaggi tradizionali.

CENNI STORICI

Secondo la leggenda, il casu marzu venne creato accidentalmente da pastori sardi che, durante la stagione di produzione del formaggio, conservavano il pecorino in grotte e ripari naturali. Nel corso del tempo, il calore e l'umidità hanno permesso a un particolare tipo di mosca di depositare le uova all'interno del formaggio, dando origine alla formazione di larve che si nutrono del formaggio e lo rendono morbido e cremoso. Nel corso degli anni, il governo italiano ha cercato di vietare la produzione e la vendita del casu marzu, ma il formaggio è rimasto popolare tra i sardi e ha continuato a essere prodotto in modo tradizionale. Il casu marzu è apprezzato dagli appassionati di formaggi e dagli amanti della cucina sarda tradizionale. Nonostante le controversie che lo colpiscono, questo formaggio rappresenta un importante patrimonio culturale della Sardegna e un esempio unico di tecnica di produzione del formaggio artigianale.

Pubblicata il 06/03/2023

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CONSERVARE FRUTTA E VERDURA AL MEGLIO

Tra i metodi più conosciuti per conservare frutta e verdura, il più utilizzato consiste nel mettere il cibo in frigorifero. Questo significa ...

Continua a leggere

RISPONDERE A CHI STARNUTISCE SECONDO IL GALATEO

Etciù! Salute! La relazione è stretta ed è impossibile trattenersi in un caso o nell’altro: dopo una starnuto arriva sempre chi risponde ...

Continua a leggere

GALATEO A TAVOLA: COME MOSTRARE GARBO PARTENDO DALLE POSATE

Quando si prende l'azzardata decisione di invitare tutti a casa propria, con l'archetipica frase "Cucino io!", chiunque ha il terrore di sfigurare. ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista