Raccolta differenziata umido, gli errori più comuni

Data Pubblicazione: 08/02/2018

Raccolta differenziata umido, gli errori più comuni

Quando si va a fare la raccolta differenziata umido, non è difficile imbattersi in alcuni errori molto comuni. Anche se si tratta di una pratica ormai in vigore da diversi anni, non è difficile che qualcuno abbia dei dubbi su cosa buttare nel contenitore dell'umido e cosa no. A ingenerare questi errori c'è spesso una differenza che non è chiara a molti: quella tra biodegradabile e compostabile. Solo nel secondo caso si può utilizzare la raccolta differenziata umido. Con biodegradabile si intende solitamente un materiale che può essere ridotto ad elementi naturali semplici. Si tratta però di un processo che può richiedere anche diversi anni, mentre nel caso di materiali compostabili i tempi di 'ritorno' alla natura sono molto più brevi, non più di tre mesi.

Raccolta differenziata umidi, tutti gli errori da non fare

Altri errori comuni nella raccolta differenziata umido riguardano tovaglioli e fazzoletti di carta. Quelli sporchi non vanno nei contenitori della carta: possono essere gettati nell'organico se privi di sostanze chimiche o tossiche e se poco colorati. In caso contrario andranno nell'indifferenziato

Altro dubbio relativo a raccolta differenziato umido cosa mettere riguarda i cartoni della pizza. Vanno nella carta le parti non sporche di cibo. Quelle con i residui, invece, possono essere conferite nell'organico. Qualche perplessità in più sui gusci dei frutti di mare: normalmente non sono biodegradabili e quindi non vanno nell'umido. Stesso divieto anche per capelli, peli e ossa di animali: va tutto messo nell'indifferenziata.

Raccolta differenziata umido, togliamoci qualche dubbio

Questi i dubbi e gli errori che più frequentemente vengono fatti quando si parla di raccolta differenziata umido. Come abbiamo spiegato, può essere gettato nell'organico tutto ciò che in meno di tre mesi torna alla 'natura'. Con questa guida tutti i dubbi dovrebbero essere stati chiariti. Dal cartone della pizza ai tovaglioli, umido sì o no: ora la risposta è chiara!
Per voi anche le seguenti rubriche:
regole per non buttare il cibo
riscaldare gli avanzi

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

COME LEGGERE LE ETICHETTE DELLE UOVA

Le uova sono uno di quei prodotti che da sempre affolla i nostri frigoriferi: vediamo come leggere le etichette delle Uova. Pochi sanno che al loro ...

Continua a leggere

MANGIARE PESCE FA VIVERE PIÙ A LUNGO

Mangiare pesce fa bene, non è certo un segreto. Si tratta di uno degli alimenti più preziosi per l’organismo umano: ricco di nutrienti, è anche ...

Continua a leggere

CIBO AVARIATO, I SEGNALI CHE GLI ALIMENTI SONO ANDATI A MALE

Cibo avariato e intossicazione alimentare: un problema con cui si trova a fare i conti almeno una volta nella vita il 10% della popolazione mondiale. ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista