Riscaldare gli avanzi

Data Pubblicazione: 24/05/2016

Riscaldare gli avanzi

Riscaldare gli avanzi

Riscaldare gli avanzi, ma come riproporli in tavola in maniera gustosa? Ecco alcune dritte per riscaldare i piatti del giorno prima.
Una ritrovata cultura antispreco e l'etica gastronomica moderna stanno dando sempre più rilievo ai cosiddetti "leftovers", vale a dire gli avanzi. In realtà per la tradizione culinaria italiana si tratta di un evergreen: chi, ad esempio, non ha mai mangiato la pasta del giorno precedente scaldata o riproposta sotto forma di timballo? E la verdura "riciclata" sotto forma di frittata o polpette? La cucina povera pullula di gustose ricette basate sugli avanzi e dimostra ampiamente come possano rivelarsi anche più buoni del cibo appena pronto. È importante però sapere anche in che modo riscaldarli, in modo da esaltarne il sapore. La pizza ad esempio non va assolutamente scaldata al microonde per evitare di renderla gommosa e flaccida. Meglio utilizzare un padella antiaderente coperta: recupererà la giusta croccantezza ed il sapore del giorno prima. È consigliabile evitare il microonde anche per quanto riguarda la pasta: in questo caso basta il tradizionale fornello, una padella con un filo d'olio e la si fa saltare sino a quando non si sarà formata la tipica crosticina abbrustolita. Il fornello è la soluzione migliore anche per intiepidire gli avanzi di zuppa e di minestrone.
Com'è noto, il riso conservato in frigo tende a diventare un agglomerato insapore, ma gli si può dare nuova vita scaldandolo nel forno a microonde. Basta metterlo in un contenitore apposito e ricoprirlo con un tovagliolo di carta appena umido. Se non si è degli amanti della carne fredda è utile sapere che può essere scaldata nel modo giusto persino una bistecca o una fettina. Basta farla insaporire in padella insieme a un ricciolo di burro: sarà ancora più gustosa del giorno precedente. Potrebbe sembrare inusuale ma anche una torta può essere riscaldata: bastano 20 minuti a 80° in forno per restituirle quel magico sapore di dolce appena sfornato. Per i fritti risulta più difficile restituirgli il gusto originario ma ci si può comunque provare: nel caso del pollo lo si può scaldare nel forno, avvolto in carta da forno, con la modalità grill. La stessa procedura si può adottare con le patatine fritte. Per quanto concerne invece gli avanzi di pollo o di tacchino arrostiti si possono ricoprire con un foglio d'alluminio e farli cuocere per mezz'ora in forno a 180°, attivando il grill negli ultimi 5 minuti in modo da rendere la pellicina nuovamente croccante.
Imparare a scaldare le vivande avanzate e evitare gli sprechi alimentari come si è visto è molto semplice: basta un po' di esperienza e la cottura giusta per ogni cibo.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

ERRORI A CENA CHE ROVINANO IL SONNO

Gli errori a cena possono compromettere anche il sonno. Non è certo una novità che quello (e come) si mangia la sera può andare ad incidere sulla ...

Continua a leggere

ERNIA IATALE

L’ernia iatale è una patologia che riguarda l’apparato digerente. In particolare si verifica quando lo stomaco passa dall’addome al torace ...

Continua a leggere

BOTULISMO

Con il termine di botulismo si indica una intossicazione causata dalle tossine prodotte dal batterio Clostridium botulinum. Si tratta di un ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista