Il menu dei partigiani

Data Pubblicazione: 25/04/2019

Il menu dei partigiani

Oggi è il 25 aprile, festa della Liberazione: ricorrenza solenne per l’Italia che celebra in questa data la fine della seconda guerra mondiale. E’ la festa di tutta la Nazione ma soprattutto dei partigiani che contribuirono con il loro sacrificio a scacciare il nemico prima dell’arrivo degli Alleati. Ma qual era il menu dei partigiani durante i giorni di guerra? Cosa si mangiava mentre nelle città italiane infuriava la battaglia? Sicuramente dopo anni di conflitto bellico la povertà era dilagante e le difficoltà di approvvigionamento ai massimi livelli. Non per niente Italo Calvino scriveva di sogni di partigiani “nati dalle notti di fame (…) sogni di pezzi di pane morsicati e poi chiusi in un cassetto”.

Festa della liberazione, il menu dei partigiani

Certo una mano arrivava dalla popolazione, dai contadini che davano quel che potevano del loro raccolto. Ed allora non sorprende che nel menu dei partigiani non mancasse il riso, il latte o ancora patate e minestra, realizzata con tutto ciò che si trovava. I ricordi dei partigiani raccontano meglio di ogni altra cosa il cibo che arrivava nelle giornate di battaglia: “Si è consumato il primo pasto, e per di più caldo, dopo giorni di mirtilli e acqua” scriveva Aldo Ferrero. Ed un altro partigiano, Alberto Barbujani, ricordava il mugnaio Giovanni Madrina che “faceva il possibile per darci qualche chilo di farina da polenta”. Proprio la polenta era una delle pietanze più diffuse tra i partigiani, come il riso stracotto, patate e castagne da trovare tra i boschi dove i partigiani si nascondevano. Difficile trovare pasta e carne, impossibile avere tra le mani un dolce, molto più facile un uovo con il quale magari preparare uno zabaione. Questo il povero menu dei partigiani che lottavano per liberare l’Italia. Oggi, 25 aprile, festa della Liberazione, si ricorda anche questo.

Pubblicata il 25/04/2019

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CONSERVARE FRUTTA E VERDURA AL MEGLIO

Tra i metodi più conosciuti per conservare frutta e verdura, il più utilizzato consiste nel mettere il cibo in frigorifero. Questo significa ...

Continua a leggere

COME PULIRE UNA PADELLA IN GHISA

Pulire la padella in ghisa in modo perfetto è fondamentale per far in modo che tale strumento non si rovini e non si formi la ruggine. Ecco allora ...

Continua a leggere

FAR TORNARE ANTIADERENTE UNA PADELLA CONSUMATA

La padella antiaderente è uno degli strumenti più utilizzati in cucina. Forse non avrebbe bisogno neanche di presentazione, ma comunque la ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista