Dieta superbrain

Data Pubblicazione: 28/10/2020

Dieta superbrain

Arriva la dieta superbrain per tenere in forma il cervello. Si tratta di un piano alimentare delle durata di 21 giorni messo a punto da Gigliola Braga e Massimo De Donno.
Questa dieta nasce da una certezza: il legame tra alimentazione e cervello. Il cibo, infatti, va a modificare anche emozioni e pensieri e arriva anche a modificare in meglio le capacità della mente. La dieta superbrain punta a tre obiettivi: controllo glicemico, scelta dei grassi buoni, giusta quantità di polifenoli. Questo perché la mente senza picchi glicemici riesce a lavorare meglio; inoltre assumendo grassi buoni si velocizza la comunicazione tra neuroni, agevolando il funzionamento del cervello; infine, i polifenoli servono a tenere in salute gli stessi neuroni. Ma come perseguire questi tre obiettivi? Partiamo dal controllo glicemico: basterà non eccedere con i carboidrati, preferendo quelli a basso carico glicemico. Quindi, meglio consumare con moderazione pane, pasta, riso, dolci e i cereali da colazione.
Così nella dieta superbrain la colazione sarà un toast o un panino con yogurt o caffè o ancora latte. Per pranzo e cena, invece, occorre privilegiare una fonte proteica: quindi pesce, carne o uova oppure dei vegetali.
Per quanto riguarda i grassi, quelli che fanno bene al cervello sono i monoinsaturi presenti nell’olio extravergine di oliva oppure nella frutta secca o anche nell’avocado. Per i polifenoli basta mangiare a pranzo e cena la giusta quantità di verdure e frutta.

Le tre fasi della dieta superbrain

Dopo questa premessa generale, vediamo come funziona la dieta superbrain nell’arco delle tre settimane. La prima sarà quella detox con l’eliminazione degli alimenti più pericolosi e il consumo di cibi salutari (ad esempio orzo e avena al posto di pasta o riso, uova a colazione, ma anche cioccolato fondente in sostituzione dei dolci).
Nella seconda settimana si entra nella fase empower in cui si procede all’inserimento di altri alimenti oltre a quelli della precedente settimana. Tra questi cereali integrali come pane e cracker, verdura e frutta di stagione, legumi, pesce, frutta secca, erbe aromatiche. Infine, si arriva alla settimana Forever smart in cui si aumenta l’ossigenazione del cervello con alimenti antinfiammatori. Quindi vino rosso e tè verde per i polifenoli, ma anche succo d’uva, sottaceti e avocado.

Pubblicata il 28/10/2020

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CONSERVARE FRUTTA E VERDURA AL MEGLIO

Tra i metodi più conosciuti per conservare frutta e verdura, il più utilizzato consiste nel mettere il cibo in frigorifero. Questo significa ...

Continua a leggere

COME PULIRE UNA PADELLA IN GHISA

Pulire la padella in ghisa in modo perfetto è fondamentale per far in modo che tale strumento non si rovini e non si formi la ruggine. Ecco allora ...

Continua a leggere

FAR TORNARE ANTIADERENTE UNA PADELLA CONSUMATA

La padella antiaderente è uno degli strumenti più utilizzati in cucina. Forse non avrebbe bisogno neanche di presentazione, ma comunque la ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista