Come lavare i datteri

Data Pubblicazione: 24/10/2018

Come lavare i datteri

Per chi non sapesse come lavare i datteri, ecco una guida completa per conoscere nel dettaglio una procedura davvero semplice. Ovviamente stiamo parlando del frutto di una palma che si trova in Africa Mediterranea e in Asia occidentale e che può essere individuata anche in Israele e in California. Questo frutto può essere trovato sia fresco che essiccato; non mancano poi ricette che lo vedono ingrediente per la preparazione di dolcetti, miele e alcuni liquori come l’arrak.
Prima di vedere perché bisogna lavare i datteri, diamo un’occhiata alle loro caratteristiche. Numerose le proprietà benefiche di questo frutto a partire dalla grande quantità di vitamine, soprattutto del gruppo B, e di sali minerali. Ottima fonte di fibre, assicura un carico di energia per la presenza di zuccheri naturali. Occhio però ad abusarne visto che parliamo di un alimento molto calorico: un datterofresco garantisce 140 Kcal ogni 100 grammi, mentre quello secco arriva a 250 Kcal sempre per 100 g di prodotto.

Come lavare i datteri prima di consumarli

Eccoci arrivati a come lavare i datteri: possiamo in primo luogo chiarire che è bene lavare sia quelli freschi che quelli secchi. I primi sono lisci e carnosi, mentre i secondi hanno una pelle raggrinzita e presentano un colore più scuro. Ebbene in entrambi i casi i datteri si devono lavare prima del consumo: basterà lavarli sotto un getto di acqua corrente e poi asciugarli con cura. Questo perché la loro superficie attrae la polvere e la sporcizia quindi occorre pulirli prima di dedicarsi al loro consumo.
Una volta lavati i datteri possono essere mangiati o conservati: quelli freschi vanno in frigorifero, nel reparto meno freddo; quelli secchi, invece, occorre tenerli a temperatura ambiente, in un luogo non umido e in un contenitore chiuso in modo da preservarne la consistenza morbida. Ora che abbiamo visto come pulire i datteri, possiamo dedicarci alle nostre tante ricette come il risotto con datteri allo zafferano o i muffin.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

ALIMENTI E CATTIVO ODORE

Cattivo odore, colpa del cibo. Ci sono alcuni alimenti che possono causare il cattivo odore del corpoe che quindi vanno ad influire in un problema ...

Continua a leggere

MANGIARE UVA FA INGRASSARE: LA FALSA CREDENZA

Settembre è il periodo dell’Uva e resistere al richiamo dei chicchi è troppo difficile. Un sapore irresistibile, un chicco tira l’altro ed ...

Continua a leggere

COSA MANGIARE A SAN GENNARO

Oggi, 19 settembre, è San Gennaro. Festa patronale a Napoli, giorno in cui (uno dei tre all'anno) avviene la liquefazione del sangue del Santo ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista