Marmellata, per un dolce risveglio

Data Pubblicazione: 06/03/2018

Marmellata, per un dolce risveglio

Chi non ha mai spalmato un po’ di marmellata su una fetta di pane? E’ un gesto che molti fanno quasi quotidianamente e non tutti sanno cosa vanno a mangiare. Con il termine di marmellata, infatti, si intende comunemente un composto contenente frutta e zucchero. Questi ingredienti sono cotti insieme per lungo tempo, fino ad ottenere un composto di tipo gelatinoso. Attenzione però: anche se spesso sentiamo parlare di marmellata di mele o di fichi, la definizione è errata. Secondo la direttiva europea n. 79/693 del 1979, recepita dall’ordinamento italiano nel 1982 con il D.P.R. 8 giugno 1982, n. 401, la marmellata è esclusivamente un prodotto realizzato con zucchero e agrumi: quindi marmellata di arance, mandarino, marmellata di limoni, cedro, pompelmo); la frutta deve essere almeno il 20% del prodotto finale. I prodotti realizzati con zucchero e altri tipi di frutta, invece, rientrano nella definizione di confettura; in questo caso la quantità di frutta deve essere almeno del 35% o del 45% in caso di confettura extra. Così non sarà normativamente corretto parlare di marmellata di ciliegie o marmellata di albicocche, ma occorrerà utilizzare il termine confettura.

Proprietà della marmellata


Essendo caratterizzata da frutta e zucchero, la marmellata non può che essere un alimento molto dolce. La lunga cottura a cui si sottopone la frutta per ottenere le marmellate, portano ad una perdita di vitamine e antiossidanti. Restano, invece, invariate le quantità di fibre, sali minerali e di proteine.

Cenni storici

La storia della marmellata arriva da lontano: in passato, infatti, la frutta era conservata grazie alla cottura nel miele. In questo modo era possibile avere scorte di frutta anche fuori stagione. Derivata da marmelo (mela cotogna in portoghese), questo alimento era già conosciuto ai tempi dell’Antica Greca quando ad essere cotte nel miele erano le mele, dando vita ad un ottimo dessert.

Varietà di preparazioni


La marmellata può essere fatta in casa con un procedimento molto lungo. Occorre tagliare la frutta a pezzetti, metterla a cuocere nello zucchero per molto tempo fino ad ottenere un composto cremoso; tale composto va poi inserito in barattoli sterilizzati e chiuso ermeticamente. Tali barattoli vanno lasciato riposare a lungo prima di potersi godere una deliziosa marmellata. Come? Oltre alla classica fetta di pane, è possibile realizzare una gustosa crostata di marmellata, ma anche tante altre buone ricette come, ad esempio, torte ripiene di marmellata o ancora biscotti farciti.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

COME IMPIATTARE: DAGLI ANTIPASTI AGLI SPAGHETTI

Per una cena di occasione o semplicemente per fare bella figura con gli amici, impiattare è fondamentale. L’impiattamento spesso è un capitolo ...

Continua a leggere

COME PIEGARE I TOVAGLIOLI PER UNA TAVOLA PERFETTA

Quando si vuole apparecchiare la tavola in maniera perfetta, piegare i tovaglioli è di fondamentale importanza. Ma qual è la tecnica migliore per ...

Continua a leggere

MANGIARE PESCE FA VIVERE PIÙ A LUNGO

Mangiare pesce fa bene, non è certo un segreto. Si tratta di uno degli alimenti più preziosi per l’organismo umano: ricco di nutrienti, è anche ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista