Maracuja

Data Pubblicazione: 22/02/2020

Maracuja

La maracuja è il frutto dell’omonima pianta che rientra nella famiglia della Passifloracee: originaria del Sudamerica, in particolare del Brasile, è diffusa anche in Australia, Hawaii, India, Perù e Sri Lanka, ma coltivazioni si trovano anche nelle zone più calde d’Italia, soprattutto in Sicilia. Il frutto della maracujá è apprezzato molto in cucina per la preparazione di succhi e cocktail ma anche per realizzare dei dolci. Due le varietà presenti: la Passiflora edulis e Passiflora edulis flavicarpa i cui frutti differiscono per le dimensioni e per il colore della buccia: nel primo caso rossa o violacea, nel secondo gialla. Dalla forma ovoidale, presenta una buccia liscia e molto sottile.

Proprietà della maracuja

La maracuja frutto della passione è apprezzata anche per le sue proprietà nutrizionali: si tratta di un alimento che apporta un grande quantitativo di energia. Garantisce una importante quantità di vitamina A e una discreta presenza di vitamine B, C, E e di sali minerali, soprattutto potassio. Buona anche la quantità di fibre. Tale composizione lo rende un frutto capace di stimolare la digestione e di garantire un effetto lassativo e diuretico. L’elevata presenza di zuccheri lo rende controindicato per chi soffre di diabete e per chi è obeso; inoltre se ne sconsiglia l’utilizzo per chi ha problemi di gastrite e di gonfiore addominale.
Valori nutrizionali 100 grammi maracuja:
  • Kcal 97
  • Proteine 2,2 g
  • Carboidrati 23,38 g
  • Zuccheri 11,2 g
  • Grassi 0,7 g
  • Saturi 0,059 g
  • Monoinsaturi 0,086 g
  • Polinsaturi 0,411 g
  • Colesterolo 0 mg
  • Fibra alimentare 10,4 g
  • Sodio 28 mg
  • Alcol 0 g

Come conservare

Questo frutto deve essere lasciato maturare a temperatura ambiente se acerbo e consumato dopo circa una settimana; nel caso in cui fosse maturo, invece, deve essere tenuto in frigorifero, nel reparto meno freddo, e mangiato entro due giorni.

Varietà di preparazioni in cucina


Ma qual è l’utilizzo che se ne fa in cucina? Ovviamente la maracuja può essere consumata al naturale: in questo caso occorre tagliarla in due parti per gustarsi la polpa con un cucchiaino. Ma il frutto della passione è apprezzato soprattutto in abbinamento a yogurt e frullati, come ingredienti di cocktail alcolici e non solo: classico è il succo di maracuja, così come i cioccolatini al frutto della passione. Ottimo per la realizzazione di mousse o marmellate, può essere gustato anche in ricette salate.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

ALIMENTI E CATTIVO ODORE

Cattivo odore, colpa del cibo. Ci sono alcuni alimenti che possono causare il cattivo odore del corpoe che quindi vanno ad influire in un problema ...

Continua a leggere

MANGIARE UVA FA INGRASSARE: LA FALSA CREDENZA

Settembre è il periodo dell’Uva e resistere al richiamo dei chicchi è troppo difficile. Un sapore irresistibile, un chicco tira l’altro ed ...

Continua a leggere

COSA MANGIARE A SAN GENNARO

Oggi, 19 settembre, è San Gennaro. Festa patronale a Napoli, giorno in cui (uno dei tre all'anno) avviene la liquefazione del sangue del Santo ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista