Brandy

Data Pubblicazione: 02/05/2018

Brandy

Tra i liquori più antichi e conosciuti al mondo, il brandy ha un posto di primo piano. Si tratta del risultato della distillazione del succo fermentato della frutta. Il termine derivata dalla parola inglese brandywine che origina dall’olandese brandewijn: la traduzione letteraria è vino bruciato. In realtà con brandy si intende soprattutto l'acquavite che deriva dalla distillazione del vino fatta invecchiare in botte. Il termine è utilizzato in maniera universale, ma può essere sostituito con denominazioni legate al territorio. Ad esempio per i prodotti che arrivano dalla regione di Charente in Francia si utilizza il termine Cognac.

Per ricavare l’acquavite si utilizzata l’alambicco, mentre le tecniche di distillazione sono diverse. In tutti i casi, teste e code (cioè le frazioni iniziali e finali) sono scartate in quanto contengono sapori e odori non buoni. Il brandy può avere una gradazione tra il 52% e il 72% di alcol, in alcuni casi anche maggiore.

Cenni storici sul brandy


Come dicevamo, questo liquore ha una storia molto lunga. La sua origine può essere fatta risalire al 7 d.C. nei paesi arabi. Successivamente si diffonde in Irlanda e in Spagna e poi da lì prende piede in tutta Europa. Proprio dalla Spagna arriva una curiosità: è frequente trovarsi davanti alla rutas del vino y del brandy, la strada del vino e del brandy, una via dove si trovavano le aziende che producevano le bottiglie di brandy.
Tornando al nome, le prime testimonianze scritte risalgono al 1622 e si ritrovano nella commedia Beggar's Bush nella quale si legge la definizione ‘Buy brand wine’. Qualche anno dopo nelle Roxburghe Ballads del 1650 si legge la frase ‘it is more fine than brandewine’.

Varietà di preparazione in cucina


E veniamo all’utilizzo in cucina di questo liquore. Se tradizionalmente è servito in bicchieri a forma di uovo tronco, può essere utilizzato anche per preparare diverse ricette. Classici sono i gamberoni al brandy ma lo troviamo anche tra gli ingredienti del pudding natalizio. Grazie al suo sapore tendente al dolce, può essere sfruttato per realizzare dolci e biscotti ma anche per aromatizzare le carni rosse. Ovviamente l’utilizzo principale è per la preparazione di cocktail come l’Alexander o il Sidecar.

Pubblicata il 02/05/2018

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

COME LEGGERE LE ETICHETTE DELLE UOVA

Le uova sono uno di quei prodotti che da sempre affolla i nostri frigoriferi: vediamo come leggere le etichette delle Uova. Pochi sanno che al loro ...

Continua a leggere

RISO CARNAROLI, LA BATTAGLIA A COLPI DI RISO

La guerra del Riso Carnaroli. Una vera e propria battaglia legale per il noto riso made in Italy. Protagonisti i risicoltori piemontesi e un ...

Continua a leggere

CONSERVARE FRUTTA E VERDURA AL MEGLIO

Tra i metodi più conosciuti per conservare frutta e verdura, il più utilizzato consiste nel mettere il cibo in frigorifero. Questo significa ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista