Come mangiare in crociera

Data Pubblicazione: 28/07/2016

Come mangiare in crociera

Il cibo in alto mare,  come mangiare in crociera.
Forse il cibo non è la preoccupazione principale di chi va in crociera, ma sicuramente il palato, in vacanza, è importante: vediamo come mangiare in crociera. Diamo uno sguardo alle grandi navi. Fare una crociera è diverso da qualsiasi altro tipo di vacanza tradizionale. Si vive per un periodo più o meno breve di tempo in un microcosmo galleggiante in cui la nave è tutto quello che c'è. Questo significa, tra le altre cose, che chi non è soddisfatto della cucina difficilmente potrà semplicemente scegliere un altro ristorante. E' difficile valutare la qualità della ristorazione in una crociera in modo generale, poichè molto dipende dalla compagnia, dalla nave e dalla fortuna. Comunque, le esperienze dei crocieristi possono aiutare a capire cosa ci aspetta quando decidiamo di passare una vacanza in nave. La giornata, in mare come a terra, inizia sempre dalla colazione. Il pasto più importante della giornata, nelle navi, sembra essere piuttosto standard e a base di frutta, cereali e yogurt. Tra le scelte salate possibili vi sono tutte le alternative classiche della colazione continentale, dai formaggi agli affettati alle uova. Il problema grosso delle cucine delle navi è che dovendo rimanere diversi giorni al largo e nutrire, al contempo, migliaia di persone, si trovano ad affrontare diverse difficoltà nello stoccaggio e nella conservazione dei prodotti freschi. La conseguenza è che la frutta potrebbe non essere sempre della qualità migliore o con un gusto molto marcato, soprattutto perchè per motivi di conservazione viene probabilmente acquistata ancora un po' immatura. Pranzo e cena sono spesso basati su menù fissi in cui lo spazio per la personalizzazione è estremamente ridotto se non completamente inesistente. Anche in questo caso si possono capire le problematiche logistiche e organizzative dovute alla situazione e alle migliaia di bocche da sfamare. Sembra però, a giudicare dalle molte critiche che vengono fatte alle navi da crociera, che le cucine siano impreparate a gestire situazioni particolari, come quelle relative alle allergie. Altrettanto carente sembra essere la questione delle alternative vegetariane, mentre i piatti vegani difficilmente vengono proposti. In un'epoca in cui differenti abitudini alimentari e allergie sono all'ordine del giorno, forse una riformulazione della gastronomia da crociera dovrebbe essere considerata. In linea di massima, considerando i problemi strutturali della ristorazione in crociera sembrano porre dei limiti quasi insormontabili alla qualità del servizio. Comunque, come detto in apertura, generalmente non si va in crociera per il cibo. E la scelta sembra essere saggia.  

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

DATA FESTA DELLA MAMMA: PERCHÉ CAMBIA?

Finalmente siamo arrivati: il 9 maggio è la data festa della mamma per il 2021. Chi si sta domandando quando è la festa della mamma sicuramente non ...

Continua a leggere

GALATEO A TAVOLA: COME MOSTRARE GARBO PARTENDO DALLE POSATE

Quando si prende l'azzardata decisione di invitare tutti a casa propria, con l'archetipica frase "Cucino io!", chiunque ha il terrore di sfigurare. ...

Continua a leggere

RISO IN BIANCO LIGHT

Quando si pensa al riso, inevitabilmente viene in mente l'Oriente, i gusti esotici e al contempo salutari. In realtà, a causa dell'elevato contenuto ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista