Cibo da strada: definizione, norme e rischi

Data Pubblicazione: 19/11/2017

Cibo da strada: definizione, norme e rischi

E' sempre più in voga: il cibo da strada è la moda del momento. Ma cosa è realmente? Definizione, normative, ricette spesso non sono conosciute. Ecco allora che per il cibo di strada occorre tenere a mente alcune informazioni utili magari per non incappare in situazioni spiacevoli. Partiamo allora proprio dalla definizione Fao: il cibo da strada altro non sono quegli alimenti pronti per il consumo, venduti in strada anche da ambulanti.

Se prima si trattava quasi esclusivamente di alimenti stranieri (ad esempio i gyros greci), ora si sta diffondendo anche il cibo da strada italiano. E' una modalità di consumo che si sposa con i ritmi frenetici della vita moderna in quanto premette di pranzare rapidamente e con un costo anche minore. Il cibo da strada - secondo i dati Fao - è consumato da ben 2,5 miliardi di persone ogni giorno. Parliamo di un settore ovviamente legato sia al cibo da asporto che al fast food.

Cibo da strada, il legame con la tradizione

Come detto l'emergere di questo fenomeno è da collegare a cambiamenti che si sono avuti a livello culturale ed economico. Ma non è soltanto una questione di tempo e costo. Il legame cibo da strada ricette tradizionali è molto forte, così scegliere tale tipologia di alimenti significa anche consumare specialità tipiche del posto. Così a Napoli è impossibile, almeno una volta, non lasciarsi travolgere da 'O Pere e 'o musso; mentre in Sicilia ci si può farsi attrarre dal pani ca meusa. Ovviamente non è soltanto questione di tradizione, altrimenti non si spiegherebbe la diffusione della pizza lontano dall'Italia o del kebab nel nostro paese.

Ovviamente data l'alta diffusione del cibo da strada, si è iniziato a parlare anche di sicurezza alimentare. L'Organizzazione Mondiale della Sanità che ha elencato una serie di punti fondamentali da tenere in considerazione:

  • Preparazione senza rischi alimentari o almeno ridotti a livelli accettabili
  • La preparazione dovrebbe evitare il diffondersi di patogeni, tossine e non comportare rischi sul lavoro
  • Preparazione e confezionamento dovrebbe eliminare le possibilità di contaminazioni.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Potrebbe interessarti anche

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

UNA PIZZA PER MARADONA

In onore di Maradona: Napoli piange il suo eroe, il mondo intero (e non soltanto quello calcistico) si sente un po’ più solo senza la magia ...

Continua a leggere

FARE LA SPESA, SOSPESO DETTO FATTO

Come fare la spesa in modo sensuale: era questo il tema di un ‘tutorial’ mandato in onda nel corso della trasmissione ‘Detto Fatto’ su ...

Continua a leggere

DIETA IN SMART WORKING

Ormai da quasi un anno le abitudini di tutti noi sono cambiate a causa del coronavirus. Più lavoro a casa, meno contatti esterni e cambia quindi ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista