Cibo da guardare

Data Pubblicazione: 04/08/2015

Cibo da guardare

Cibo da guardare. Che la degustazione di un piatto inizi dallo sguardo è noto: e, nell'era digitale, fotografare il cibo è diventata una vera e propria moda. La facilità che al giorno d'oggi si ha nello scattare fotografie grazie ai dispositivi digitali ha portato a mode curiose, che si sono rapidamente diffuse in tutto il mondo. Se un tempo le macchine fotografiche erano ingombranti, rendendo impossibile portarle sempre con sè, e inoltre non c'era modo di apprezzare immediatamente lo scatto effettuato, oggi sono cambiate molte cose. Non solo le fotocamere digitali permettono di ammirare subito le foto realizzate, ma per fare foto si possono usare anche gli smartphone, che si portano sempre con sè. Una inattesa conseguenza di questo è l'abitudine, sempre più diffusa, di fare degli scatti ai piatti e ai cibi che si stanno mangiando. Se infatti si potrebbe pensare che i soggetti preferiti dovrebbero essere la fidanzata, gli amici, dei bei paesaggi, o se stessi (con gli ormai famosi selfie), in realtà, il popolo della rete ama soprattutto fotografare quello che mangia. Il significato antropologico di tale tendenza è molto forte: da sempre l'uomo si identifica con ciò che ingerisce, e inoltre l'atto di cibarsi è uno di quelli che si ripete più volte nella quotidianità. Non da ultimo, i social network permettono di condividere in modo immediato quello che si è fotografato. Anche se esistono moltissimi social che consentono di postare fotografie, quella che in assoluto resta la app più utilizzata è Instagram. Photoworld ha così pensato di spulciare tra le foto postate dai milioni di utenti del social fotografico per scoprire quali sono i piatti più amati dal food porn. In cima alla classifica c'è l'hashtag #pizza. Questa tipicità italiana è amata in ogni angolo del globo tanto che, curiosamente, non è in Italia che è maggiormente fotografata, ma a New York, nelle sue varie declinazioni. Spulciando ulteriormente i dati raccolti da Photoworld, si nota come questa sia la norma: le tipicità culinarie non vengono maggiormente fotografate nel territorio di appartenenza, ma altrove. Ad esempio, il sushi vede il suo primato in Italia, e più precisamente a Milano. Gli hamburger, che sono più prettamente americani, sono i soggetti preferiti dai food lovers londinesi. Chi fotografa piatti e ricette non ha l'ambizione di mettersi al livello dei professionisti del settore, ma vuole solo usare le nuove tecnologie per creare un legame con i suoi contatti attraverso una delle cose più naturali e necessarie al mondo, ovvero, il cibo. Leggi anche: Condividi la foto del piatto e ceni gratis  

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

I 5 ALIMENTI DA NON RISCALDARE MAI

Non capita di rado che avanzi qualche alimento da pranzo e si metta da parte per riscaldarlo poi il giorno successivo. Attenzione però: alcuni cibi, ...

Continua a leggere

BUON APPETITO: PERCHÉ NON VA DETTO PER IL GALATEO

E’ una delle domanda che spesso escono fuori quando si parla di galateo: perché non è corretto augurare buon appetito all’inizio di un pasto? ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista