Cibi light tra verità e bugie

Data Pubblicazione: 22/09/2016

Cibi light tra verità e bugie

Oggi parliamo di Cibi light tra verità e bugie - sani o ingannevoli?
I cibi "light" sono davvero dietetici e salutari? Ecco una breve guida alla scelta di prodotti leggeri e senza rischi.
Da una ventina d'anni ormai è diventato abituale vedere sulle confezioni di molti prodotti alimentari diciture come "light", "leggero", "zero grassi" e via dicendo. La domanda che ci si fa spesso è se questa tipologia di alimenti sia realmente sana e leggera o se non si tratti piuttosto di un trucco per attirare i consumatori più salutisti. Una cosa è certa: il solo consumo di questi prodotti non garantisce la perdita di peso ed il consiglio è come sempre quello di seguire uno stile di vita sano e praticare regolarmente attività fisica. Se si decide di optare per un prodotto light è importante anzitutto leggere attentamente la lista di ingredienti presenti e confrontarla con la versione "tradizionale" del medesimo prodotto: ciò consente di capire cosa cambia nella formulazione, se sono stati aggiunti additivi e in quale misura. È utile altresì confrontare le tabelle nutrizionali: molto spesso si scopre infatti che il tanto decantato "30% di grassi in meno" alla fine non comporta una riduzione effettiva delle calorie totali. I prodotti a "ridotto contenuto di grassi" come latticini o preparati che contengono latte sono in genere realizzati utilizzando il latte scremato: la parte grassa viene eliminata tramite un processo di centrifuga. In altri prodotti l'olio e il grasso vengono sostituiti con amido, fibre e proteine o acqua. In questi casi però vengono aggiunti conservanti, non sempre un toccasana per l'organismo. La maggior parte dei prodotti ipocalorici a "ridotto contenuto di zuccheri" invece prevedono l'eliminazione dello zucchero, sostituito con altri edulcoranti, altamente sconsigliati per le donne in stato interessante e per i bambini al di sotto dei 3 anni. Questi dolcificanti possono essere di due categorie: da una parte i cosiddetti intensivi, come acesulfame e aspartame, che non aggiungono calorie al prodotto e ne basta una minima quantità, dall'altra i polioli, come mannitolo e sorbitolo, impiegati per la realizzazione di chewing gum e caramelle. Questi ultimi però contengono circa 2,4 calorie per grammo (la metà rispetto al comune zucchero) ed un consumo eccessivo ha effetti lassativi. A volte coi cibi light si rischia di cadere in contraddizione: mangiare "leggero" spesso può essere una scusa furba per mangiare di più, azzerando però gli eventuali benefici di questa tipologia di prodotti. Un esempio fra tutti le patatine light: hanno sicuramente meno grassi e una cottura più salutare ma non bisogna sottovalutare il fatto che si tratta comunque di uno snack condito col sale, che sarebbe meglio ridurre. Mangiare sano e light è quindi una scelta davvero salutare? Basta imparare a leggere le etichette e farne un consumo responsabile, senza lasciarsi ingannare da pubblicità poco trasparenti.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

RISTORANTI, ADDIO CENE

Addio cene al ristorante, almeno per un mese. E’ questo il succo del DPCM firmato ieri da Giuseppe Conte. Un nuovo decreto per chiudere le ...

Continua a leggere

AEREO IN RITARDO: LA MODELLA DEVE MANGIARE LE OSTRICHE

La notizia è di quelle che desta stupore: un aereo in ritardo per consentire ad una viaggiatrice di gustarsi un piatto di ostriche. Vero e assurdo, ...

Continua a leggere

GLI ALIMENTI PIÙ PERICOLOSI

Sono gli alimenti più pericolosi, i cibi che sono risultati più a rischio secondo un’analisi della Coldiretti. Parliamo della Black List dei cibi ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista