Additivi nel pesce, a cosa bisogna fare attenzione

Data Pubblicazione: 21/07/2017

Additivi nel pesce, a cosa bisogna fare attenzione

Il pesce fa bene, è buono, eppure il suo consumo è sempre guardato con diffidenza: colpa della possibile presenza di additivi. Sostanze che mettono in dubbio la salubrità del pesce che arriva sulle nostre tavole. Spigole, orate, alici: le ricette per gustarsi un bel piatto di pesce non mancano di certo. Ma come facciamo a sapere che il pesce che mangiamo non sia trattato con gli additivi? Purtroppo, infatti, i pesci sono sottoposti anche a trattamenti per apparire come freschi anche quando non lo sono.

Pesci e additivi: quelli consentiti e quelli vietati

Così prima di essere essere messi esposti sui banchi di pescherie, supermercati o di finire tra i prodotti surgelati, i pesci vengono sottoposti ad operazioni di maquillage. Alcune sono rispettose delle leggi. Un esempio è l'uso dell'acqua ossigenata per rendere i molluschi cefalopodi (polipi, calamari, totani) più bianchi e lucenti. Tale procedimento, prima vietato, è tornato ad essere consentito per prodotti congelati. La normativa permette di usare una miscela composta da acqua ossigenata, acido citrico e citrati di sodio. La prima deve avere una concentrazione massima dell'8%, gli altri due fino al 15%. L'utilizzo non deve essere obbligatoriamente dichiarato. L'utilizzo di acido citrico e dei citrati di sodio servono a rallentare l'irrancidimento dei grassi e per impedire che la colorazione scurisca, facendo quindi sembrare il pesce più fresco. Queste due sostante devono essere dichiarate tra gli additivi nelle etichette, così come i solfiti utili per evitare che la testa dei crostacei diventi nera. In tema di additivi chimici occorre tenere presente anche i polifosfati. E' usanza diffusa usarli per aumentare il peso del pesce in quanto trattengono l'acqua. Si può arrivare a far pesare il pesce fino al 50% in più. Peccato però che al momento della cottura, il grande pesce acquistato inizierà a sgonfiarsi e rimpicciolirsi. Sempre in argomento peso, c'è da considerare la glassatura dei pesci congelati. Il volume cresce ma al momento dello scongelamento si assisterà a una rapida diminuzione. Ma non è tutto nero. Alcuni additivi alimentari sono utili per consentirci di mangiare del pesce in sicurezza. Fondamentale che siano indicati in etichetta e limitarsi agli usi consentiti dalla legge. Restando in tema, gli additivi mangiati in un anno sono davvero troppi.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

LE 10 REGOLE PER IL VERO CAFFÈ ITALIANO (SECONDO GLI INGLESI)

Caffè Italia, un binomio conosciuto in tutto il mondo tanto che all’estero c’è chi ha pensato bene di buttare giù un vademecum per bere un ...

Continua a leggere

I MOTIVI PER SEGUIRE UNA DIETA VEGETARIANA

Si parla sempre di più della necessità di limitare il consumo di carne e di seguire una dieta vegetariana. Si tratta di un regime alimentare nel ...

Continua a leggere

DALL'ALIMENTAZIONE AL RIPOSO: COSA FARE DOPO L'ALLENAMENTO

L’esercizio fisico è fondamentale: fare il giusto allenamento durante la giornata è il primo passo per tenersi in salute. Un fattore che può ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista