Come pulire il rabarbaro e usarlo in cucina

Data Pubblicazione: 31/08/2017

Come pulire il rabarbaro e usarlo in cucina

In questa rubrica vi illustreremo come pulire il rabarbaro. Pianta appartenente alla famiglia delle Polygonaceae, si è iniziato a utilizzarla in cucina soltanto un paio di secoli fa. Prima di entrare nella descrizione di come pulire il rabarbaro, diamo uno sguardo a come scegliere questa pianta, in modo da non correre rischi.

Come scegliere il rabarbaro

Solitamente le coste vengono vendute già sfogliate. Gli aspetti da considerare sono il colore e la compattezza: il primo deve essere uniforme e non presentare macchie gialle; per il secondo aspetto occorre prestare attenzione alla presenza di eventuali spaccature. Inoltre i gambi devono essere sodi al tatto. Spezzandone uno, dovrebbe uscire una goccia di succo. Da evitare, invece, quelli eccessivamente molli. Questa caratteristica è indice di eccessiva maturità. Tornando al colore, altro aspetto da tenere in considerazione è il legame con il sapore: più è rosso, più il rabarbaro presenta un gusto dolce. Nel caso di presenza di foglie, sono da evitare quella verdi che presentano sostanze velenose.

Come pulire il rabarbaro

Una volta visto come scegliere il rabarbaro, diamo un'occhiata a come lavarlo. Per pulire il rabarbaro si passano i gambi sotto un getto di acqua fredda. Allo stesso tempo si segue il procedimento che si applica per il sedano. Si tolgono quindi i filamenti legnosi, poi si procede al taglio seguendo le indicazioni presenti nella ricetta che si sta preparando. Consigliabile quando si lava e taglia il rabarbaro, utilizzarlo subito per evitare il rischio ossidazione.

Le ricette con il rabarbaro

Completato il lavaggio, questa pianta può essere utilizzata in diverse ricette. Le coste del rabarbaro sono ideali per insalate o anche per la preparazione di torte salate o ad esempio un ottimo soufflé con fragole. Ottime da fare anche lessate. Per quanto riguarda, invece, le foglie, possono essere consumate al posto degli spinaci. In realtà se ne sconsiglia fortemente l'uso perché la massiccia presenza di acido ossalico, sostanza che ha effetto lassativo, può causare disturbi fisici.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

ERRORI A CENA CHE ROVINANO IL SONNO

Gli errori a cena possono compromettere anche il sonno. Non è certo una novità che quello (e come) si mangia la sera può andare ad incidere sulla ...

Continua a leggere

ERNIA IATALE

L’ernia iatale è una patologia che riguarda l’apparato digerente. In particolare si verifica quando lo stomaco passa dall’addome al torace ...

Continua a leggere

BOTULISMO

Con il termine di botulismo si indica una intossicazione causata dalle tossine prodotte dal batterio Clostridium botulinum. Si tratta di un ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista