Il Lime, il frutto tropicale dei cocktail famosi

Data Pubblicazione: 01/09/2017

Il Lime, il frutto tropicale dei cocktail famosi

Agrume di origine asiatica, il lime o limetta è noto soprattutto per il suo utilizzo nella preparazione del mojito, cocktail molto in voga. Dal sapore meno intenso del limone, cresce su alberi che arrivano fino a 4-5 metri di altezza. Il frutto lime ha forma rotonda o ovale e presenta una buccia sottile: il colore del frutto maturo è verde, mentre quando la buccia è gialla significa che è troppo maturo. Dal nome scientifico Citrus Aurantifolia, fa parte della famiglia delle Rutaceae. Non è chiara la sua origine, anche se si pensa che possa essere il risultato dell'ibridazione di cedro e limone. Cresce in un clima tropicale ed è quasi completamente assente nel Mediterraneo, eccezion fatta per l'Egitto. Questo frutto ha una polpa molto profumata e non eccessivamente aspra. Diverse le varietà di lime: Mexicana, Neapolitanum, La Valletta. Da ricordare anche la limetta dolce che ha un sapore simile al limone ma meno aspro.

Lime, benefici e valori nutrizionali

Frutto tropicale, la limetta garantisce tante proprietà benefiche dovute alla sua composizione ricca di minerali e vitamine. Il lime è un antiacido gastrico per l'azione dell'acido citrico che aiuta la digestione e la peristalsi. Ha proprietà diuretiche, anti-diarroiche e toniche. La vitamina E garantisce effetti benefici sulla pelle. Ma questo frutto è utile anche per tenere sotto controllo il colesterolo e per combattere i calcoli renali.

Valori nutrizionali

100 grammi
:
  • Kcal 30
  • Proteine 0,7 g
  • Carboidrati 10,54 g
  • zuccheri 1,69 g
  • Grassi 0,2 g
  • saturi 0,022 g
  • monoinsaturi 0,019 g
  • polinsaturi 0,055 g
  • colesterolo 0 mg
  • Fibra alimentare 2,8 g
  • Sodio 2 mg

Cenni storici

Il  lime nasce in Malesia e India da dove è approdato nel Regno Unito. Non coltivato nel Mediterraneo, arriva in Italia intorno al milleduecento. Si racconta che fu Cristoforo Colombo a portare i semi di questo frutto in America. In passato erano utilizzati dai marinai per combattere lo scorbutico per l'elevata presenza di vitamina C.

Come conservare

Il lime può essere conservato per una settimana circa. Ideale è tenerlo a temperatura ambiente e riporlo in un luogo fresco e asciutto. Questo frutto non sopporta, infatti, temperature troppo fredde: ecco perché se si vuole tenerlo in frigorifero, occorre impostare una temperatura non inferiore ai dieci gradi.

Varietà di preparazione del lime

Come abbiamo visto il lime è conosciuto come ingrediente del mojito ma anche di altri cocktail, ma non solo. Il suo utilizzo in cucina si estende anche alla marinatura di carne e pesce, come alternativa al limone. Utile anche per la preparazione di deliziosi dolci, come può essere la Key Lime Pie.  

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

MANGIARE IN VACANZA, LE SCELTE DEGLI ITALIANI

Mangiare in vacanza non è una questione secondaria, almeno non per gli italiani. Altro che mare, montagna o arte, le mete preferite dagli italiani ...

Continua a leggere

LISTERIA, COME CONGELARE SENZA RISCHIARE

Un nome che sentiamo sempre più spesso, soprattutto negli ultimi giorni: listeria. Si tratta di una famiglia di batteri che può essere rischiosa ...

Continua a leggere

CIBO A DOMICILIO, SUCCESSO DELLE APP: CUCINARE VA IN SOFFITTA?

Un trend in continua crescita che presto potrebbe portare alla ‘scomparsa’ delle cucina: è il cibo a domicilio, una moda che anche in Italia ha ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista