Bacche di ginepro

Data Pubblicazione: 19/11/2019

Bacche di ginepro

Le bacche di gineproderivano dalla pianta che fa parte della famiglia Cupressaceae, genere Juniperus: da sottolineare come non tutte le specie di questa famiglia sono commestibili, anzi alcune hanno dei frutti velenosi (è il caso del Juniperus sabbina). Tornando alle bacche di ginepro, hanno una certa rassomiglianza con i mirtilli anche se con un caratteristico sapore acidulo. Il loro colore, tendente al viola, è dovuto alla pruina, una pellicola che va a ricoprire la bacca.

Le proprietà del ginepro

La pianta del ginepro è nota per le sue proprietà curative conosciute fin dall’antichità. Masticare le bacche si pensa possa aver un effetto benefico per la digestione, ma tra gli effetti positivi bisogna sottolineare anche le proprietà antisettiche e i benefici per le vie urinarie e respiratorie. Le bacche di ginepro presentano quantità importanti di gineprina, resina, acetato di potassio, acetato di calcio e apportano poche calorie: 10 circa ogni 100 grammi. Da ricordare come anche l’olio essenziale che si può ricavare ha proprietà benefiche ed è utilizzato particolarmente per massaggi e per l’effetto tonificante sui tessuti connettivi.

Cenni storici

Abbiamo già accennato alle proprietà benefiche conosciute fin dall’antichità: ebbene, questa pianta era già apprezzata all’epoca dei romani anche in cucina con il gastronomo Apicio che la consigliava come sostituto del pepe. Ma il ginepro era noto anche ai celtici, che lo chiamavano ‘acre’ con chiaro riferimento al sapore delle bacche. Infine, secondo una leggenda medievale, la pianta di Ginepro diede riparo alla Sacra famiglia durante la fuga in Egitto ricevendo la benedizione di Maria: proprio per questo si pensa che i suoi rami siano capaci di allontanare le streghe e gli spiriti maligni.

Varietà di utilizzo in cucina delle bacche di ginepro

E siamo arrivati alle bacche di ginepro in cucina: come si possono usare? Possono essere utilizzate soprattutto come spezie per condire salse e sughi, ma anche per insaporire carne e insalata. Ad esempio è da provare la ricetta coniglio al ginepro con erbe di provenze. Inoltre, le bacche sono usate per la produzione di alcuni superalcolici come il gin e la grappa di ginepro.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

DIETA AUTUNNALE

Inizia l’autunno e il nostro organismo ha bisogno di adattarsi al nuovo clima. Per aiutarlo possiamo seguire una dieta autunnale con un carico di ...

Continua a leggere

ALIMENTI E CATTIVO ODORE

Cattivo odore, colpa del cibo. Ci sono alcuni alimenti che possono causare il cattivo odore del corpoe che quindi vanno ad influire in un problema ...

Continua a leggere

MANGIARE UVA FA INGRASSARE: LA FALSA CREDENZA

Settembre è il periodo dell’Uva e resistere al richiamo dei chicchi è troppo difficile. Un sapore irresistibile, un chicco tira l’altro ed ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista