Tutto quello che c'è da sapere sui coloranti alimentari

Data Pubblicazione: 07/04/2017

Tutto quello che c'è da sapere sui coloranti alimentari

Servono a rendere più belli e appetibili tutti gli alimenti che consumiamo. Dai gelati alle caramelle passando per le bibite più famose: senza coloranti alimentari non sarebbero così diffuse. Ma cosa sono e come si producono?

Andiamo alla scoperta di tutto quello che c'è da sapere sui coloranti alimentari

Partiamo da un concetto fondamentale: non possono essere considerati alimenti. Proprio per questo sono definiti a livello legislativo additivi. Questi devono essere inseriti tra gli ingredienti: i coloranti devono essere indicati con la lettera E e un numero tra 100 e 199. Al giorno d'oggi i più diffusi sono i coloranti naturali. Si tratta di sostanze che vengono estratte da materie prime animali, vegetali o minerali. Un esempio? Il nero che arriva dal carbone o il giallo oro che è estratto dai petali di calendola. I coloranti alimentari naturali presentano alcune problematiche rispetto a quelli sintetici. Ad esempio i colori non sono uniformi e lucenti, sono pochi stabili se esposti al calore o alla luce. I coloranti artificiali, invece, riescono a reagire in maniera più stabile alle modifiche di temperatura e acidità, sono maggiormente solubili. Vantaggio da non poco conto poi è quello del prezzo: i sintetici sono meno cari.

Coloranti alimentari, a cosa servono

Una volta stabilito cosa sono, vediamo a cosa servono i coloranti alimentari. Obiettivo primario è donare un aspetto naturale agli alimenti. Ma non mancano altre motivazioni che si celano dietro al loro utilizzo. Ad esempio si può farlo per attrarre: ecco allora che parliamo di motivazione pubblicitarie, di marketing vero e proprio. Gli occhi vogliono la loro parte e allora anche l'aspetto di un alimento, colore compreso, diventa fattore essenziale per il successo di un prodotto alimentare. Dal punto di vista legislativo, in Europa i coloranti devono ottenere l'autorizzazione Efsa ed essere utilizzati soltanto se non ci sono alternative. Esistono poi regolamenti che stabiliscono le quantità massime che possono essere utilizzate in determinati alimenti o quella che giornalmente può essere assunta. Dal punto di vista della sicurezza, alcuni coloranti alimentari sono stati tolti dal mercato. Ad esempio il colorante rosso E128 è stato ritenuto cancerogeno e non più usabile, mentre per il caramello (E150) c'è stata soltanto una diminuzione delle dose giornaliere consentite. Esistono poi ingredienti coloranti che non sono altro che ingredienti alimentari che hanno proprietà coloranti. Ad esempio frutta e verdura o alcune piante commestibili. La  normativa prevede che devono provenire da alimenti e avere alcune caratteristiche specifiche. Più costosi rispetto ai coloranti naturali e sintetici, garantiscono una maggiore presenza di sostanze antiossidanti. Confezionamento alimentare  

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

I 5 ALIMENTI DA NON RISCALDARE MAI

Non capita di rado che avanzi qualche alimento da pranzo e si metta da parte per riscaldarlo poi il giorno successivo. Attenzione però: alcuni cibi, ...

Continua a leggere

BUON APPETITO: PERCHÉ NON VA DETTO PER IL GALATEO

E’ una delle domanda che spesso escono fuori quando si parla di galateo: perché non è corretto augurare buon appetito all’inizio di un pasto? ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista