I grandi tagli di carne: 5 errori da evitare per cucinarli al meglio

Data Pubblicazione: 01/02/2017

I grandi tagli di carne: 5 errori da evitare per cucinarli al meglio

Ospiti a cena e avete puntato su un menu con grandi Tagli di Carne? Niente paura, vedremo in questa rubrica come cucinare al meglio della bella carne senza correre il rischio di incappare in una dei cinque errori da evitare. Se state preparando un pranzo o una cena a base di carne, e avete puntato sui grandi tagli di carne come ad esempio un carrè di maiale o un cosciotto di agnello, al momento di cucinarli dovete fare in modo che il piatto non risulti né troppo cotto né eccessivamente al sangue.

I tagli di carne, come cucinarli senza sbagliare

Passaggio requisito per preparare un buon arrosto è farlo aromatizzare per bene. Ecco perché uno dei grandi errori da non fare è quello di non lasciarlo a marinare per una notte intero. Il consiglio per cucinare la carne, è quello di pennellarla con erbe aromatiche, come ad esempio rosmarino o timo (va bene anche usare spezie di vostro gradimento). Possibile anche utilizzare del semplice olio extravergine di oliva, magari con rosmarino e aglio. Una volta completata la marinatura, lasciate riposare in frigorifero per una notte intera, senza coprirla così gli aromi arriveranno fino al cuore della carne. Siete stati bravissimi nella marinatura, ora però non rovinate tutto lasciando la carne in frigorifero fino all'ultimo minuto. Il suggerimento è tirarla fuori almeno un paio di ore prima in modo che l'arrosto risulti più morbido. Se la carne è fredda, infatti, si rischia poi di trovarla indurita una volta cotta. Ecco allora che lasciarla un paio di ore a temperatura ambiente, vi metterà al riparo da questo rischio.

Come cucinare

la carne Se avete avuto di cura di evitare i primi due errori, è il momento di cuocere i nostri grandi tagli di carne. Ecco che ci imbattiamo in un nuovo possibile errore: cuocere troppo lentamente. Per una cottura ottimale della carne di grande dimensioni, occorre adottare una temperatura molto alta (220-240°C) per farla rosolare. Lasciate riscaldare il forno e utilizzate la modalità statica in modo che l'aria interna non secchi troppo la carne. Fate attenzione al colore della superficie: quando sarà dorata, abbassate la temperatura (150°C) e continuate la cottura. Eviterete che la superficie si vada a bruciare.

I grandi tagli di carne: cosa non fare una volta cotti

Ora che la carne è cotta, gli errori da evitare non sono finiti. E' cosa risaputa che non si deve procedere subito al taglio, ma attendere almeno mezzora lasciando la carne sotto un foglio di alluminio per alimenti. In questo modo i succhi potranno diffondersi in maniera omogenea e renderanno la carne più morbida. Se la volete gustare bella calda, potete riscaldarla nel fondo di cottura. Pronti a gustare il vostro taglio di carne. Per fare bella figura, è consigliabile servire a tavola per intero. Presi i meritati applausi, attenti a non rovinare tutto tagliando la carne. Il taglio deve essere perpendicolare alle fibre. Utilizzate un coltello affilato e con un forchettone tenete fermo il tutto. Che si tratti di tagli di carne bovina, suina, ovina ecc... Ormai ci siamo: il taglio di carne così preparato è pronto per essere gustato. Buon appetito. Scoprite tutte le ricette per dei secondi di carne e sperimentate nuovi piatti.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

FELICI CON GLI ADDOBBI DI NATALE

Felici con gli addobbi di Natale: la scienza conferma la magia del Natale, il piacere di decorare la nostra casa in vista della festività del ...

Continua a leggere

ALBERO DI NATALE PIÙ COSTOSO AL MONDO

L’albero di Natale più costoso al mondo arriva da Marbella ed è un insieme di diamanti, oro e gioielli preziosi riciclati: la sua creazione si ...

Continua a leggere

IL MIGLIOR RISTORANTE DI ROMA

Il miglior ristorante di Roma è Il Pagliaccio di Anthony Genovese: a decretarlo è stata la Guida I Cento dedicata alla Capitale. Si tratta del ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista