Succhi di frutta e nettari, quanta frutta contengono?

Data Pubblicazione: 09/05/2017

Succhi di frutta e nettari, quanta frutta contengono?

La frutta fa bene e quindi anche i succhi di frutta sono consigliati. Ma quando li andiamo a comprare, cosa contengono realmente? Qual è la percentuale esatta di frutta? Domande a cui dare risposta non è molto semplice. Non è certo la prima volta che in una bottiglia passata per succo di arancia rossa, vi si trova in gran parte arancia bionda o che il lampone sia in realtà appena il 20% della bottiglia che poi contiene acqua e succo di mela. Insomma conoscere quali sono i nettari contenuti non è semplice e in aiuto, più che l'apparenza conta la sostanza. Questa fa rima con etichetta: ed è quella che dobbiamo consultare per scegliere un succo di frutta concentrato o meno che contenga realmente frutta.

Succhi di frutta: controllare l'etichetta

L'etichetta ci viene quindi in aiuto e in particolare occorre andare a verificare le denominazione merceologica che permette di capire la classificazione del prodotto. Questa è presente nella bottiglia di succo di frutta prima degli ingredienti e varia in base alla tipologia di prodotto. Partiamo con le spremute: importante capire se realmente è una spremuta fatta con frutta o se presenta conservanti o l'aggiunta di acqua. Occhio alle spremute acquistate nei supermercati: anche se sono tra le bevande più vicine alle spremute fatte in casa, contengono comunque il 70% di vitamina C in meno.

Smoothies e nettari: quanta frutta contengono

Dalla spremuta agli smoothies: l'ideale sarebbe scegliere quelli con il 100% di frutta, senza conservanti, coloranti e ingredienti artificiali. Possono essere conservati in frigorifero per non più di due giorni. Altro prodotto senza zuccheri e additivi sono i succhi 100%. Questi sono sottoposti a un trattamento termico che causa la perdita di gran parte delle vitamine contenute nella frutta. Da considerare poi i nettari, prodotto tanto caro ai bambini. In questo caso la percentuale di frutta può andare dal 25% al 50%. In tale categoria troviamo i nettari veri e propri, costituiti quali solo da succo, e i succo e polpa di frutta, che sono più densi e con una più alta concentrazione di frutta. Possibile che siano allungati con acqua. Da ricordare che presentano fino al 20% di zuccheri o miele, ma non hanno conservanti.

Le bevande a base di frutta

Sempre in tema di succhi, possiamo citare le bevande a base di frutta, dopo questa è presente solo in quantità limitata (da un minimo del 12% ad un massimo del 40%). A completare il prodotto sono acqua e additivi come aromatizzanti. Elevata la presenza di zuccheri.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

I 5 ALIMENTI DA NON RISCALDARE MAI

Non capita di rado che avanzi qualche alimento da pranzo e si metta da parte per riscaldarlo poi il giorno successivo. Attenzione però: alcuni cibi, ...

Continua a leggere

BUON APPETITO: PERCHÉ NON VA DETTO PER IL GALATEO

E’ una delle domanda che spesso escono fuori quando si parla di galateo: perché non è corretto augurare buon appetito all’inizio di un pasto? ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista