Succhi di frutta e nettari, quanta frutta contengono?

Data Pubblicazione: 09/05/2017

Succhi di frutta e nettari, quanta frutta contengono?

La frutta fa bene e quindi anche i succhi di frutta sono consigliati. Ma quando li andiamo a comprare, cosa contengono realmente? Qual è la percentuale esatta di frutta? Domande a cui dare risposta non è molto semplice. Non è certo la prima volta che in una bottiglia passata per succo di arancia rossa, vi si trova in gran parte arancia bionda o che il lampone sia in realtà appena il 20% della bottiglia che poi contiene acqua e succo di mela. Insomma conoscere quali sono i nettari contenuti non è semplice e in aiuto, più che l'apparenza conta la sostanza. Questa fa rima con etichetta: ed è quella che dobbiamo consultare per scegliere un succo di frutta concentrato o meno che contenga realmente frutta.

Succhi di frutta: controllare l'etichetta

L'etichetta ci viene quindi in aiuto e in particolare occorre andare a verificare le denominazione merceologica che permette di capire la classificazione del prodotto. Questa è presente nella bottiglia di succo di frutta prima degli ingredienti e varia in base alla tipologia di prodotto. Partiamo con le spremute: importante capire se realmente è una spremuta fatta con frutta o se presenta conservanti o l'aggiunta di acqua. Occhio alle spremute acquistate nei supermercati: anche se sono tra le bevande più vicine alle spremute fatte in casa, contengono comunque il 70% di vitamina C in meno.

Smoothies e nettari: quanta frutta contengono

Dalla spremuta agli smoothies: l'ideale sarebbe scegliere quelli con il 100% di frutta, senza conservanti, coloranti e ingredienti artificiali. Possono essere conservati in frigorifero per non più di due giorni. Altro prodotto senza zuccheri e additivi sono i succhi 100%. Questi sono sottoposti a un trattamento termico che causa la perdita di gran parte delle vitamine contenute nella frutta. Da considerare poi i nettari, prodotto tanto caro ai bambini. In questo caso la percentuale di frutta può andare dal 25% al 50%. In tale categoria troviamo i nettari veri e propri, costituiti quali solo da succo, e i succo e polpa di frutta, che sono più densi e con una più alta concentrazione di frutta. Possibile che siano allungati con acqua. Da ricordare che presentano fino al 20% di zuccheri o miele, ma non hanno conservanti.

Le bevande a base di frutta

Sempre in tema di succhi, possiamo citare le bevande a base di frutta, dopo questa è presente solo in quantità limitata (da un minimo del 12% ad un massimo del 40%). A completare il prodotto sono acqua e additivi come aromatizzanti. Elevata la presenza di zuccheri.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

QUANDO SI INGRASSA DI PIÙ

Ma quando si ingrassa di più? Esistono dei particolari momenti nella vita che portano ad un aumento di peso generalizzato? Gli esperti dicono di sì ...

Continua a leggere

PASTA CON GLISOFATO

Sette marchi di pasta italiani hanno presentato tracce di glifosato. E’ un’indagine condotta da Il Salvagente a rifar accendere i riflettori su ...

Continua a leggere

INTEGRATORI CONTRO L'OBESITÀ

Che funzione hanno gli integratori nel trattamento della obesità? Possono realmente contribuire a perdere peso? Ormai sono noti gli effetti negativi ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista