Conservare gli alimenti

Data Pubblicazione: 23/09/2016

Conservare gli alimenti

Vediamo come Conservare gli alimenti nel frigorifero e nel freezer ed evitare di incorrere in pericolose intossicazioni.
Sono in netto aumento i casi di intossicazione alimentare: soltanto in Europa, i casi di infezione da Campylobacter e da salmonellosi riguardano rispettivamente 200 mila e 2 mila casi ogni anno. È per questo motivo che si rende necessaria, oltre ad un'adeguata igiene e profilassi, una corrispondente conservazione dei cibi in freezer e in frigorifero. Ogni alimento necessita di una temperatura ottimale di conservazione che andrebbe rispettata il più possibile per evitare la proliferazione di microorganismi dannosi. La temperatura all'interno del frigo non è uguale in ogni punto, ma cambia da scomparto a scomparto: la zona più calda è quella dello sportello, mentre invece la più fredda è rappresentata dal penultimo scomparto, quello poco prima dei cassetti destinati alla frutta. Le zone di temperatura dagli 0 agli 4° andrebbero destinate alla carne e al pesce freschi, ai piatti preparati in casa, alle insalate, ai formaggi freschi e alle creme, mentre in quelle dai 4 sino ai 6° (scomparti superiori) si possono conservare pesce e carne già cotti, frutta e verdura cotte e yogurt Nei cassetti in basso, dalla temperatura media di 6°, si possono conservare verdura e frutta fresca mentre nello sportello (dai 6 ai 10°) vanno riposti burro, latte, uova e succhi di frutta già aperti. Ma per quanto tempo possono essere conservati i cibi? Il pesce, ad esempio, se pulito, ben lavato e protetto da una pellicola trasparente, si può conservare in frigo sino a 24 ore; la carne invece si mantiene buona sino a 48 ore se è di tacchino o pollo e 24 se si tratta di carne macinata. Per quanto riguarda carne rossa e affettati è preferibile non consumarli trascorsi tre giorni. Le uova invece hanno una maggiore durata: sino ad un mese. Altro accorgimento da adottare per un'adeguata conservazione del cibo in frigo è quella di imballare correttamente i vari alimenti in modo da impedire eventuali contaminazioni fra un cibo e l'altro. Per quanto concerne il freezer è utile sapere che, prima di congelare un piatto, occorre lasciarlo raffreddare per due ore almeno, riporlo in delle confezioni apportandovi un'etichetta con la data e sistemarlo sul ripiano del freezer evitando di metterlo a contatto con gli altri prodotti per non scongelarli parzialmente. Quando si desidera scongelare un alimento il modo migliore è quello di farlo cuocere in acqua bollente, oppure farlo scongelare gradualmente in frigorifero o sotto l'acqua corrente. Imparare a servirsi in modo corretto di freezer e frigorifero dunque è uno degli step fondamentali per difendersi dalle intossicazioni alimentari e mantenere inalterate le proprietà organolettiche dei cibi. Leggete anche: Consigli per un'ottima conservazione dei formaggi

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

QUANDO SI INGRASSA DI PIÙ

Ma quando si ingrassa di più? Esistono dei particolari momenti nella vita che portano ad un aumento di peso generalizzato? Gli esperti dicono di sì ...

Continua a leggere

PASTA CON GLISOFATO

Sette marchi di pasta italiani hanno presentato tracce di glifosato. E’ un’indagine condotta da Il Salvagente a rifar accendere i riflettori su ...

Continua a leggere

INTEGRATORI CONTRO L'OBESITÀ

Che funzione hanno gli integratori nel trattamento della obesità? Possono realmente contribuire a perdere peso? Ormai sono noti gli effetti negativi ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista