Alimentazione: allergie e intolleranze

Data Pubblicazione: 12/03/2016

Alimentazione: allergie e intolleranze

Alimentazione: 1 italiano su 4 pensa di essere allergico
Non è raro avere a che fare con soggetti che ritengono di essere allergici o intolleranti ad uno o più alimenti. Ma cosa c'è di vero in tali convinzioni?

Un italiano su quattro è più che certo di essere allergico ad un alimento. A tale riguardo, è quanto mai necessario fare presente che proprio nel nostro Paese vi è una scarsa consapevolezza in fatto di allergie ed intolleranze alimentari. I numeri, infatti, parlano chiaro. In Italia, gli adulti realmente allergici sono solo il 4,5% dell'intera popolazione. Tra i più piccoli, invece, la percentuale oscilla tra il 5% ed il 10%. In linea di massima, gli alimenti a cui si è più allergici sono il latte, le uova, il grano, le arachidi ed i crostacei. Ovviamente, quando si fa riferimento ad un'allergia si intende un'alterazione del sistema immunitario che induce in inganno l'organismo e gli fa percepire una sostanza innocua come dannosa scatenando la reazione, appunto, delle difese immunitarie. La sintomatologia di un'allergia alimentare è inconfondibile e, talvolta, può manifestarsi in forma molto grave. E per quanto riguarda le intolleranze? In tale sede, è quanto mai importante fare presente che le intolleranze non hanno nulla a che vedere con le allergie. Quando si è intolleranti ad un alimento o ad un suo componente, si fa molta fatica a portare a compimento la fase digestiva. Purtroppo, nell'ultimo periodo le allergie alimentari stanno diventando una vera e propria moda. Proprio per questo motivo, la Federazione degli ordini medici ha deciso di mettere a tacere una volta per tutte tale dibattito, facendo presente che siamo alle prese con una sovrastima dei soggetti allergici. In buona sostanza, pare che gli italiani tendano a confondere le allergie con le intolleranze che, ovviamente, sono molto meno gravi e, soprattutto, decisamente più gestibili. Ad onor del vero, è necessario fare presente che anche le intolleranze vengono sovrastimate. La Federazione degli ordini dei medici ha anche precisato che molti dei test effettuati per verificare eventuali allergie potrebbero essere evitati. A tale riguardo, il primo e più importante suggerimento di cui tener conto nel caso in cui si abbia il sospetto di essere allergici a qualche alimento è di rivolgersi ad un medico al quale riferire i propri sintomi. Sottoporsi ad un test senza aver prima consultato un medico, dunque, è a dir poco sbagliato oltre che inutile. Solo a seguito di un'accurata anamnesi, infatti, il medico avrà la possibilità di stabilire se è necessario sottoporsi ad un test specifico o se, invece, si tratta di una semplice suggestione. Insomma, quello delle allergie e delle intolleranze alimentari è un argomento da affrontare in maniera scrupolosa. 

Le allergie e le intolleranze alimentari non sono una moda. Per tale ragione, è quanto mai necessario consultare un medico al fine di individuare con precisione le cause dei sintomi e non rischiare di sottoporsi inutilmente a test peraltro molto costosi.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

RISTORANTI, ADDIO CENE

Addio cene al ristorante, almeno per un mese. E’ questo il succo del DPCM firmato ieri da Giuseppe Conte. Un nuovo decreto per chiudere le ...

Continua a leggere

AEREO IN RITARDO: LA MODELLA DEVE MANGIARE LE OSTRICHE

La notizia è di quelle che desta stupore: un aereo in ritardo per consentire ad una viaggiatrice di gustarsi un piatto di ostriche. Vero e assurdo, ...

Continua a leggere

GLI ALIMENTI PIÙ PERICOLOSI

Sono gli alimenti più pericolosi, i cibi che sono risultati più a rischio secondo un’analisi della Coldiretti. Parliamo della Black List dei cibi ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista