Come lavare le more senza rischiare di rovinarle

Data Pubblicazione: 24/04/2017

Come lavare le more senza rischiare di rovinarle

Lavare le more sì o no? Il dilemma pervade le pagine web e sbarca in casa quando ci si trova davanti questo delizioso frutto di bosco e si ha voglia di consumarlo al naturale o usarlo per una confettura. L'avvertimento è di obbligo: le more sono molto delicate e quando le andate a lavare - perché il consiglio è di farlo comunque - occorre molta attenzione.

Come raccogliere le more

Prima di vedere come lavare le more, facciamo un passo indietro e andiamo alla raccolta o scelta delle more. Se ci troviamo in un boschetto di rovo e vogliamo cogliere questi deliziosi frutti, dobbiamo fare in modo di prendere soltanto quelli maturi al punto giusto. Come? In aiuto ci viene il colore che deve essere tra il viola intenso e il nero lucido. Attenzione anche alla consistenza: tastiamo delicatamente le more, se sono sode è un indizio che il grado di maturazione è quello giusto. Infine, dopo aver guardato l'eventuale presenza di morsi di insetti, andiamo a staccare il frutto. Se notiamo una certa resistenza, la mora non è pronta ad essere raccolta. Colore e consistenza sono i fattori da tenere in considerazione anche quando si comprano.

Come lavare le more

Ed eccoci giunti al momento di lavare le more. Operazione che, come già accennato, deve essere fatta con grande delicatezza per evitare di rovinare questo frutto. La mora va lavata poco prima di consumarla o di congelarla perché ne accelera il deperimento. Per farlo si può delicatamente passarle sotto un getto di acqua corrente o immergerle in un recipiente riempito d'acqua. In questo caso occorre evitare che le more si ammassino le une sulle altre. Dopo qualche minuto si può togliere l'acqua e metterle ad asciugare su un panno. Poi è il momento di mangiarle o di utilizzarle per preparare una deliziosa marmellata. Tutta da gustare! A questo collegamento tutte le proprietà delle more e la leggenda legata all'undici ottobre, giorno in cui furono maledette da Satana!

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

ALIMENTI E CATTIVO ODORE

Cattivo odore, colpa del cibo. Ci sono alcuni alimenti che possono causare il cattivo odore del corpoe che quindi vanno ad influire in un problema ...

Continua a leggere

MANGIARE UVA FA INGRASSARE: LA FALSA CREDENZA

Settembre è il periodo dell’Uva e resistere al richiamo dei chicchi è troppo difficile. Un sapore irresistibile, un chicco tira l’altro ed ...

Continua a leggere

COSA MANGIARE A SAN GENNARO

Oggi, 19 settembre, è San Gennaro. Festa patronale a Napoli, giorno in cui (uno dei tre all'anno) avviene la liquefazione del sangue del Santo ...

Continua a leggere

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la ricetta del giorno e tante altre novità

Commenti e voti

Scarica la rivista