Lavare i germogli di soia, alcuni consigli utili

Data Pubblicazione: 01/09/2017

Lavare i germogli di soia, alcuni consigli utili

E' un ingrediente sempre più utilizzato anche nella cucina occidentale. La sua diffusione recente, pone dei dubbi su come lavare i germogli di soia. Come tutti i derivati di questo legume, particolarmente usato nelle cucine asiatiche, solo negli ultimi tempi si stanno diffondendo nel nostro Paese e in generale nella cucina europea. Grazie alle innumerevoli proprietà benefiche e ai tanti aspetti positivi del suo consumo, la soia si candida a diventare a tutti gli effetti un alimento 'tradizionale' anche nel Vecchio Continente. Se fino a qualche anno fa scovare dei prodotti di soia nei banchi dei supermercati era impresa titanica, ora è decisamente più facile. Gli hamburger di soia, ad esempio, sono diventati un secondo consueto per tante famiglie, così come i germogli di soia stanno acquistando una certa diffusione. Attenzione però a quando si mangiano. Il consiglio è quello di cuocerli sempre, anche se si vogliono preparare delle gustose insalate.

Perché lavare i germogli di soia non basta

Lavare i germogli di soia come si fa con gli altri legumi o altre verdure non basta. A spiegarlo sono gli studiosi: mangiare germogli di soia crudi è rischioso quanto gustarsi un frutto di mare non cotto. Questo perché gli attuali metodi di coltivazione permettono ai batteri di propagarsi e raggiungere cariche più elevate rispetto a quelle presenti nelle verdure coltivate nei campi. Anche lavare i germogli di soia, magari aggiungendo del bicarbonato, non assicura la scomparsa completa di eventuali batteri patogeni. L'unico metodo certo per potersi gustare in tutta sicurezza un germoglio di soia è cuocerlo. Si può quindi scottarli per un paio di minuti in acqua bollente.  Possibile anche scegliere di farli saltare in padella nell'olio bollente. In entrambi i casi si avrà la certezza della scomparsa di eventuali batteri. Insomma, anche se la grande maggioranza di germogli sono sicuri, esiste sempre un piccola possibilità di contagio. Un bassa percentuale di rischio che può essere eliminata soltanto con la cottura.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

ARRIVA L'HAPPY MEAL FATTO IN CASA

Quanto può mancare mangiare in un fast food in periodo di isolamento da coronavirus? Molto, soprattutto per i più piccoli che vedono McDonald’s e ...

Continua a leggere

PASQUA SENZA AGNELLO E CAPRETTO

Niente agnello e capretto: Pasqua 2020 sarà decisamente particolare, anche in cucina. Già perché l’isolamento che in Italia andrà avanti almeno ...

Continua a leggere

PESCE DI APRILE, SCHERZI IN CUCINA

Attenti agli scherzi oggi: è il 1 aprile, giornata conosciuta anche come quella dei pesci di aprile. Tradizione vuole che in questa giornata la ...

Continua a leggere

Commenti e voti

Scarica la rivista