Come essiccare il dragoncello, erba dal sapore inconfondibile

Data Pubblicazione: 30/08/2017

Come essiccare il dragoncello, erba dal sapore inconfondibile

In questa rubrica vedremo come essiccare il dragoncello. Erba aromatica, dal sapore inconfondibile, è utilizzata in cucina sia fresca che essiccata. Nel primo caso si può gustare tutto il suo aroma, nel secondo si va a perdere un po' del suo gusto. Ad ogni modo, prima di vedere come essiccare il dragoncello è bene sapere che quest'erba, così come ad esempio basilico e prezzemolo, presenta alcune problematiche. Questo per la particolare delicatezza delle foglie e per l'elevato assorbimento di umidità che porta alla formazione di muffe.

Essiccare il dragoncello, il metodo migliore

Per chi volesse cimentarsi con l'essiccazione del dragoncello, il metodo migliore è quello naturale. Occorre quindi raccogliere le erbe in piccoli fasci di dimensioni uguali e sistemare poi questi mazzetti a testa in giù. Per accelerare il processo è possibile anche inserire i fasci in un sacchetto di carta. A questo punto occorre lasciare lì i mazzetti fino a quando non si sbricioleranno. I tempi variano da pochi giorni a qualche settimana. Importante è che i sacchetti non siano esposti alla luce diretta del sole o messi in un luogo umido. Come detto il dragoncello essiccato perde molto del suo sapore. Allora un'alternativa per conservare più a lungo questa pianta è tritarla e congelarla. Basterà inserirla nei contenitori di ghiaccio e coprirla di acqua. Poi si potrà usarla per tante ricette.

La leggenda del dragoncello

Il dragoncello è un'erba leggendaria, oltre che per i suoi effetti benefici, anche per la storia che l'accompagna. Si racconta, infatti, che la pianta sbarcò in Toscana per... amore! Leggenda vuole che una ragazza senese perse la testa per un soldato a cavallo (chiamato dragone appunto) durante l'occupazione napoleonica. Un giorno il soldato fece cadere dei semi in un vaso che la giovane donna teneva sul balcone. Quando il soldato ripartì, nel vaso comparve una piantina molto profumata che la ragazza volle chiamare dragoncello proprio per il suo grande amore andato via.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

PASQUA SENZA AGNELLO E CAPRETTO

Niente agnello e capretto: Pasqua 2020 sarà decisamente particolare, anche in cucina. Già perché l’isolamento che in Italia andrà avanti almeno ...

Continua a leggere

PESCE DI APRILE, SCHERZI IN CUCINA

Attenti agli scherzi oggi: è il 1 aprile, giornata conosciuta anche come quella dei pesci di aprile. Tradizione vuole che in questa giornata la ...

Continua a leggere

ALIMENTI RICCHI DI FOSFORO

La memoria è fondamentale e occorre allenarla e prendersene cura. Importante anche l’alimentazione ed in particolare gli alimenti ricchi di ...

Continua a leggere

Commenti e voti

Scarica la rivista