Whisky o whiskey: origini, storia, differenze

Data Pubblicazione: 23/08/2018

Whisky o whiskey: origini, storia, differenze

Tra le bevande alcoliche più conosciute, il whisky è il prodotto della distillazione di cereali fermentati e messo poi ad invecchiare in botti di legno di rovere. Il termine whisky deriva dal gaelico scozzese uisge (acqua di vita) a sua volta derivante dalla definizione latina acqua vitae cioè acqua della vita. Solitamente la parola whisky indica i prodotti realizzati in Scozia e Canada, mentre per quelli di Irlanda e Stati Uniti si utilizza il termine Whiskey. Va ricordato inoltre che la definizione Scotch whisky sta ad indicare esclusivamente i whisky realizzati in Scozia che sono anche quelli più pregiati (realizzati esclusivamente con orzo, di puro malto), mentre il Bourbon è per quelli realizzati negli Stati Uniti.

La ricetta del whisky prevede l’utilizzo di ingredienti come: acqua sorgiva, cereali (segale, grano mais o orzo), torba e lievito. Per ottenere il risultato finale occorre attraversare diverse fasi: si va dalla macerazione alla fermentazione e poi distillazione, maturazione, miscelazione e imbottigliamento. Importante la maturazione (dura da 2 a 20 anni) che avviene in botti di legno di rovere che hanno un’età compresa tra gli 80 e i 100 anni. Si possono trovare le botti in rovere europeo o americano: quest’ultimo è quello più utilizzato per i single malts.

Attualmente si tratta del distillato più prodotto al mondo, tanto che è sbarcato anche in Asia con il whisky giapponese e la realizzazione di distillerie nel paese del Sol Levante che lo realizzano utilizzando il classico procedimento scozzese. Da segnalare anche il whisky prodotto a Bangalore: qui, grazie al clima tropicale, i tempi di invecchiamento sono più rapidi e si ottiene un angel share (misura del grado di invecchiamento) intorno al 12% rispetto alla media dell’8%.

La storia del whisky


Scozia ed Irlanda si contendono la nascita del primo whisky: la prima distillazione è fatta risalire al XV secolo, anche se manca una data certa. Nel 1494 si ha la commercializzazione del whisky: il merito va a John Cor e ai monaci di Highlands. Altra data importante nella storia del whisky è il 1707 quando questa bevanda diventa simbolo di libertà e emancipazione per gli americani rispetto agli inglesi. L’importanza di questo distillato è testimoniata dalla sua presenza anche in racconti e canzoni dando il nome al protagonista di una nota canzone per bambini, Whisky il ragnetto.

Il Whisky in cucina


Utilizzare il whisky in cucina non è molto semplice: il sapore intenso rende difficile l’abbinamento anche se esistono comunque alcune ricette come ad esempio le penne al whisky, ma anche per insaporire gli arrosti. Altro abbinamento classico è con lo speck dell’Alto Adige o il salmone norvegese.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

BENEFICI VINO: DUE BICCHIERI PER PREVENIRE LA DEMENZA

I benefici del vino non si scoprono certo oggi: un’assunzione moderata fa bene all’organismo ed ora spunta un altro effetto positivo. Due ...

Continua a leggere

CURARE L'EMICRANIA CON LA CURCUMA: FUNZIONA DAVVERO?

La curcuma per combattere l’emicrania. Convivere con il mal di testa non è semplice: l’emicrania, sintomi spesso molto diversi tra di loro ...

Continua a leggere

SOSTANZE CHIMICHE NEGLI ALIMENTI, ATTENZIONE A CONTENITORI E CARNI LAVORATE

I pediatri lanciano l’allarme: attenti alle sostanze chimiche contenute negli alimenti. In particolare attenzione massima andrà assicurata per i ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista