Sterilizzazione dei Vasetti

Data Pubblicazione: 23/02/2016

Sterilizzazione dei Vasetti

Conoscere come fare la Sterilizzazione dei Vasetti è importante per chi ha la passione per le preparazioni di confetture casalinghe ma anche di sottoli e sottaceti.
La Sterilizzazione dei Vasetti si rende necessaria per scongiurare la presenza di batteri e il potenziale sviluppo del botulino, notoriamente molto pericoloso se si sviluppa nei preparati che poi vengono ingeriti.
Le preparazioni come le confetture nonché le conserve necessitano contenitori in vetro, un materiale naturale che sopporta bene gli sbalzi di temperatura e si presta alla chiusura perfettamente ermetica.
I vasetti in vetro si trovano facilmente nei negozi che trattano i casalinghi, e potrete scegliere sia quelli che hanno la chiusura con il tappo che si avvita che quelli con la chiusura con la guarnizione e il gancio in metallo.
Potete anche riutilizzare i vasetti in vetro di confetture e marmellate che avete acquistato e poi conservato.
Vanno bene anche quelli del miele, e delle giardiniere, con la differenza che il tappo deve essere sempre e comunque cambiato.
Prendete quindi bene la misura o portatevi quello vecchio quando andrete a comprarli.
Lo stesso discorso vale per le guarnizioni in gomma che devono assicurare la confettura o la conserva dalla penetrazione anche dell'aria che è comunque deleteria.
Prima di sterilizzarli dovete controllare bene che siano integri, quindi che non abbiano crepe, smussature o scheggiature.
Al di la del fatto che sono pericolosi, perché il vetro potrebbe contaminare il contenuto, non sono sicuri in quanto permetterebbero la penetrazione di colonie di batteri.
La sterilizzazione dei vasetti è estremamente semplice e avete bisogno soltanto della disponibilità del tempo necessario all'operazione.
Cominciate col lavare sotto l'acqua corrente i vasetti. Il consiglio è quello di aggiungere al detersivo per piatti il bicarbonato di sodio, molto utile per la disinfezione in generale e per l'eliminazione di qualsiasi odore residuo.
Controllate nuovamente che i vasetti siano integri perché durante il processo di sterilizzazione potreste rischiare che si spacchino.
Lavate con accuratezza i tappi e le guarnizioni, anche nel caso siano nuovi.
Vi servirà una pentola in alluminio abbastanza capiente e che abbia i bordi sufficientemente alti.
Adagiate sul fondo della pentole e ai lati un canovaccio in cotone o in spugna e riponete i vasetti dentro la pentola che dovranno avere l'apertura in alto.
A questo punto cercate di inserire tra i vasetti altri canovacci in modo che attutiscano eventualmente gli urti che si creeranno naturalmente quando l'acqua comincerà a ribollire.
Solo dopo riempite la pentola di acqua fino a quando i vasetti di vetro non risulteranno completamente sommersi.
Accendete la fiamma senza usare il coperchio e portate l'acqua ad ebollizione. Lasciate che i vasetti stiano in acqua bollente per almeno 30 minuti.
I coperchi che dovete sterilizzare allo stesso modo dei vasetti, potete immergerli dopo 20 minuti dall'inizio del bollore.
Passata la mezz'ora potete spegnere il fuoco e lasciare i vasetti e i tappi nella pentola a raffreddare.
Dopo aver verificato che l'acqua sia tornata a temperatura ambiente togliete i vasetti e i tappi dalla pentola e stendete un canovaccio di spugna sul tavolo, adagiando i vasetti girati con l'apertura verso il basso.
Lo stesso vale per i tappi che lascerete scolare fino a quando non si saranno perfettamente asciugati, senza che rimanga la minima traccia di umido.
Un modo molto utile per asciugarli completamente è quello di metterli in forno a una temperatura bassa (50 gradi vanno bene) per circa 10 minuti.
In tal modo risparmierete tempo e avrete anche il vantaggio che, nell'eventualità ci siano ancora dei batteri, questi verranno completamente eliminati.
Quando finalmente saranno asciutti potete procedere con il riempirli delle confetture o delle conserve che avete preparato.
L'asciugatura dei vasetti di vetro in forno vi darà anche un altro vantaggio. Potrete evitare lo sbalzo di temperatura quando li riempirete per esempio della confettura.
Lo stesso vale per le conserve e le verdure sottolio o sottaceto, che prima di essere conservate vanno precotte.
Il consiglio anzi è quello di utilizzarli subito dopo aver completato la sterilizzazione, perché avrete la certezza che non ci sono batteri.
Meglio ancora farete se lascerete riposare il contenuto per almeno un quarto d'ora.
Per ottenere un buon risultato il consiglio è quello di riempire i vasetti fino a mezzo cm dalla chiusura e quindi mettere i tappi.
Nei casi in cui questi ultimi siano quelli "twist off" (quelli che per intenderci hanno un rialzo al centro), dovete premere perché il tappo si abbassi e crei la chiusura ermetica. La conferma che la manovra ha funzionato sarà il caratteristico suono che produrrà somigliante a un "clack"
Questo tipo di tappi si prestano soprattutto per le marmellate o per il chutney (una salsa agrodolce a base di frutta).
Dopo il suono dove rigirare a testa in giù i vasetti in modo che si crei il sottovuoto.
L'ultimo passaggio perché la sterilizzazione sia completa e la confettura si possa mantenere nel tempo è quello di ripetere la fase della bollitura con le stesse modalità.
Il canovaccio nella pentola, la sistemazione dei vasetti, altri canovacci per evitare che si rompano e l'acqua ad ebollizione per 30 minuti.
Scolate i vasetti e lasciate che si asciughino.
Per quanto riguarda i vasetti twist off controllate per sicurezza che il sotto vuoto si sia mantenuto: vi basta premere al centro del tappo e, se non sentite nessun suono, vuol dire che è tutto apposto.
I vasetti che invece contengono conserve non hanno bisogno di questa seconda bollitura, perché sia l'olio che l'aceto tengono lontani i batteri.
E' per questo che quando li aprirete dovrete sempre rabboccare olio o aceto perché le conserve non entrino in contatto con l'aria.
Usate sempre vasetti piccoli in modo da consumare le conserve o le confetture entro pochi giorni.
Per gustarle al meglio tenetele in frigorifero dopo averle aperte. Leggete anche la guida per la

Sterilizzazione delle Bottiglie

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

QUANTA VITAMINA D ASSUMERE OGNI GIORNO

Quanta vitamina D occorre assumere ogni giorno? E’ risaputo che parliamo di una sostanza che apporta benefici al nostro organismo. La vitamina D è ...

Continua a leggere

COSA MANGIARE A COLAZIONE PER DIMAGRIRE

Un abbondante colazione per dimagrire. Sembrerà un controsenso ed invece è la ricerca scientifica a dirlo: il primo pasto del giorno deve essere ...

Continua a leggere

DIETA ANTI SMOG: COMBATTERE L'INQUINAMENTO A TAVOLA

L’inquinamento è un problema serio e non riguarda soltanto l’ambiente: è possibile combatterlo con una dieta anti smog, un’alimentazione che ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista