Vizi e virtù dell'Esposizione Universale di Milano 2015

Data Pubblicazione: 03/08/2015

Vizi e virtù dell'Esposizione Universale di Milano 2015

Tra i padiglioni avveniristici di Expo, si nasconde un insieme di mondi, prodotti e tecnologie per 'Nutrire il pianeta': scioccanti, esagerati, intriganti. Perché Expo è proprio questo: una vetrina eccezionale ed irripetibile di tutto ciò che ci riguarda e ci riguarderà; Expo mira a far riflettere, a far parlare, magari proprio mentre fa sorprendere e anche divertire. Colture acquaponiche, robot-cassieri e il cibo del futuro: dagli insetti alla realtà aumentata, che davanti agli occhi dei visitatori, materializza dei prodotti di vernice: stupefacenti, divertenti, e anche un po' incredibili. Come migliorare il nostro rapporto con la terra? Riusciremo a creare cibo per tutti? E cosa mangeremo in futuro? Un padiglione, una regione; ma anche un tema, un'idea, un'interpretazione del reale e di quello che verrà. Expo: tanto osannato, criticato, detestato fuori. Dentro: collaborazioni internazionali e prodotti enogastronomici di tendenza; nanotecnologie e piatti classici sotto un tendone, che è ancora un cantiere, composto da un enorme varietà di architetture, soluzioni, proposte originali, fantastiche, uniche al mondo. Expo, che è stato costruito in ritardo e ancora dev'essere completato. Expo enorme che stanca i piedi e accalda la pelle. Expo, che fa pensare e sognare: i pendolari che al ritorno dal lavoro sperano di trovare un posto a sedere e invece si ritrovano in vagoni carichi carichi di turisti e colorate borse shopper impilate su se stesse, a coloro che le strade di Milano e dintorni le percorrono tutti i giorni e puntualmente le trovano trafficate, imbottigliate, scompigliate. Che lo si voglia o meno, la forza dell'Esposizione Universale sta proprio nella sua capacità, che è al tempo stesso necessità, di fermare il tempo. Un villaggio nel villaggio che parla di presente e futuro: un presente che è già passato, un futuro che è già presente. Un luogo non-luogo fatto di tradizione e consuetudine, di fantasia e studio scientifico matto e disperatissimo; di mille approcci, punti di vista e avventure volti a farci sospendere il giudizio, lontani dal mondo frenetico del fuori, per iniziare una considerazione sensata dentro. E tutti gli astanti, gli esseri umani di passaggio, insieme ai creatori, promotori, agli amici, ai parenti, a chi ci lavora per pagarsi gli studi o arrotondare lo stipendio, a chi vi sta dedicando la vita, il proprio business, e ai nostri figli, che un giorno vedranno ciò che noi stiamo soltanto immaginando, spalancano o storcono la bocca, davanti a tanta nuova, singolare opulenza. Fuori dal suo raggio d'azione, continueremo ancora a criticarlo; ma sotto i padiglioni, tra giardini verticali, giochi di luce e fontane d'acqua, Expo continuerà ad essere quel mondo incantato che dialoga, gioca e coinvolge la nostra mente.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

COME PIEGARE I TOVAGLIOLI PER UNA TAVOLA PERFETTA

Quando si vuole apparecchiare la tavola in maniera perfetta, piegare i tovaglioli è di fondamentale importanza. Ma qual è la tecnica migliore per ...

Continua a leggere

MANGIARE PESCE FA VIVERE PIÙ A LUNGO

Mangiare pesce fa bene, non è certo un segreto. Si tratta di uno degli alimenti più preziosi per l’organismo umano: ricco di nutrienti, è anche ...

Continua a leggere

CALCOLI RENALI, COSA MANGIARE

Fitte fortissime alla schiena: questo il sintomo più comune dei calcoli renali, un problema che si presenta in maniera improvvisa e spaventa un ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista