Vini vulcanici freschi e piacevoli

Data Pubblicazione: 16/11/2016

Vini vulcanici freschi e piacevoli

È in crescente aumento in Italia il fenomeno dei vini vulcanici, prodotti d'alto pregio caratterizzati da sapidità, mineralità ed acidità unici nel loro genere. Esiste un sottile fil rouge che lega insieme i vigneti della Sicilia a quelli della Tuscia, della Basilicata e del Veneto, a dispetto delle distanze. Si tratta del carattere vulcanico dei loro terreni, peculiarità che viene poi trasmessa ai vini prodotti, per la maggior parte bianchi, a cui conferiscono proprietà organolettiche uniche e non riproducibili altrove. Acidi al palato, salini in un secondo momento, i vini vulcanici sono straordinariamente freschi e piacevoli, equilibrati ma sfumati e reggono molto bene l'invecchiamento. L'associazione "Volcanic Wines" si occupa di raggruppare i molteplici territori italiani vitivinicoli caratterizzati da un terreno vulcanico, dai quali hanno origine vini Docg e Doc come l'Orvieto, il Lacryma Christi e il Soave. Oltre 17 mila ettari di vigneti da cui provengono circa 150 milioni di bottiglie di vini vulcanici. Una delle zone più conosciute per la produzione di vini vulcanici è quella adagiata sulle pendici dell'Etna. Nel giro di vent'anni, infatti, le aree adibite a vigna si sono moltiplicate a vista d'occhio ed oggi sono oltre un centinaio i viticoltori impegnati in questa scommessa. Si tratta per lo più di aziende a conduzione familiare, benché nell'ultimo periodo si siano insediati anche grandi brand del vino italiano, come ad esempio Donnafugata. Molti stranieri, inoltre, hanno acquistato terreni in questa zona per coltivare vitigni autoctoni, come il Carricante bianco ed il Nerello mascalese. Altra zona vulcanica vitivinicola meno conosciuta ai più, ma ugualmente di alto pregio, sono i Colli Euganei, in Veneto, situati a sud ovest di Padova. Peculiarità di queste colline sono i terreni costituiti principalmente da tufi basaltici e marne. L'unico vino Docg appartenente a questa zona, il Fior d'Arancio, è ottenuto dal vitigno dal quale prende il nome, originario del lontano Medio Oriente, giunto in Veneto grazie agli antichi scambi commerciali provenienti dai porti siciliani. Un territorio unico, caratterizzato da sorgenti calde solforose, un'aria densa di vapori ed un'insolazione ottimale concorrono nella creazione di vini eccellenti, che sono divenuti i portabandiera dei Colli Euganei. Qualità pluripremiate come il Pinot, il Cabernet, il Sauvignon Italico ed il Gamay, appartenenti a vitigni produttivi e robusti. Questa viticoltura "eroica", fra cenere e lava, alle prese con una natura non sempre benigna, sta conquistando italiani e stranieri e rappresenta una ricca risorsa per l'economia e la promozione dei vini italiani a livello internazionale. Restando in tema ci sono tante cose da sapere sul vino. Curiosando, ne abbiamo raggruppate alcune a questo link.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

MANGIARE PIZZA FA AVERE SUCCESSO SUL LAVORO

Non solo bontà tutta da assaporare: mangiare pizza fa avere successo sul lavoro! E’ l’incredibile scoperta fatta da uno psicologo americano Dan ...

Continua a leggere

QUANTA VITAMINA D ASSUMERE OGNI GIORNO

Quanta vitamina D occorre assumere ogni giorno? E’ risaputo che parliamo di una sostanza che apporta benefici al nostro organismo. La vitamina D è ...

Continua a leggere

COSA MANGIARE A COLAZIONE PER DIMAGRIRE

Un abbondante colazione per dimagrire. Sembrerà un controsenso ed invece è la ricerca scientifica a dirlo: il primo pasto del giorno deve essere ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista